Il sito dei fuorisede di Matera

Archive for May, 2010

Consiglio comunale a Materatown

with one comment

consiglio_com 

(*) Che male alla schiena! Sarà a causa delle percosse infertemi qualche giorno fa!

Un ringraziamento particolare alla nostra talpa stanziale (nome in codice “o professore” ) per il supporto ricevuto per le traduzioni in dialetto materano.

(La foto originale è di Maria Anna Flumero e pubblicata nella pagina personale di Facebook del Sindaco Salvatore Adduce il 25/5 scorso)

Share

Written by materatown

May 31st, 2010 at 12:03 am

Posted in Materatown

48 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

without comments

rassegna11Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigando freneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura.

Da IL RESTO del 22/5/2010

CON GENIUS LOCI A MATERA FISCHIA TUTTA EUROPA

“I ragazzi dell’associazione culturale Genius Loci […] operano da anni per far riscoprire alla città un altro importante simbolo della sua antica tradizione popolare: il cucù, come da sempre a Matera è chiamato il tradizionale fischietto in terracotta bitonale e raffigurante un gallo”

(Quando riapre la stagione venatoria?)

 

Da IL RESTO del 22/5/2010

pag. 14: L’INTERA AREA MURGIANA HA DIFFICILE ACCESSO A MARE ED AUTOSTRADE
pag. 15: MATERA-GIOIA DEL COLLE L’ARTIERIA STRADALE DIMENTICATA
pag. 16: STRADE PERICOLOSE ANCHE IN CITTA’
pag. 18: VIABILITA’ IN COLLASSO AD ALTAMURA
pag. 21: L’EX-PROVINCIALE 175 SARA’ ULTIMATA PRIMA DELL’ESTATE?
pag. 22: DIVERSI ANNI FA ERA STATA PROGETTATA E FINANZIATA LA TANGENZIALE OVEST
pag. 25: LA VIABILITA’ SANTERAMANA MIGLIORA MA RESTANO ALCUNE CRITICITA’

(Abbiamo trasmesso”Il Resto…viaggiare informati!”)

 

DA TRMTV.IT del 23/5/2010

ROTARACT E BI3 INSIEME PER UN WORKSHOP

“Tracciare un obiettivo comune per generazioni derivanti da formazioni diverse che oggi collimano, verso la necessità di trasmettere valori e professionalità”: con questo scopo si è svolto, a Matera, il workshop intitolato “Rotaract action for Rotary”, organizzato dalla locale sezione del Rotaract, in collaborazione con la scuola di management Bi3.”

(Cercasi traduttori Rotaractese-Italiano)

 

DA IL QUOTIDIANO del 25/5/2010

DELEGAZIONE MATERANA FESTEGGIA INDIPENDENZA GIORDANA

“Una delegazione materana dell’associazione italoaraba, composta da quattro soci e guidata dal presidente Giuseppe Clemente, sarà questa sera a Roma per partecipare ai festeggiamenti del Giorno dell’indipendenza del Regno Hashemita di Giordania”

(Kebab e cialledda per tutti!)

 

DA IL QUOTIDIANO del 25/5/2010

ASSE TURISTICO CON LA FINLANDIA PER UN TURISMO DESTAGIONALIZZATO

<<mi dispiace>> – ha detto il presidente della Provincia Franco Stella – <<che vi sia stata poca partecipazione degli operatori turistici a questo convegno>>

(Ma guarda tu che strano!)

 

DA MILLEMEDIA del 25/5/2010

IL SINDACO INCONTRA LE FAL

“La nostra attenzione resterà alta e vigileremo sul rispetto del cronoprogramma”

(crono…che?)

 

DA IL QUOTIDIANO del 25/5/2010

UN ONOREVOLE PORTAFORTUNA

Margiotta, onorevole lucano del Pd, si è riscoperto un portafortuna della sua squadra del cuore (ndr: Inter): <<E’ dagli ottavi di finale, contro il Chelsea che seguo tutte le partite in casa della Champions dell’Inter. Poi il Cska, poi il Barcellona. Non potevo mancare a Madrid!>>

(Veramente fortunato! Conosco disoccupati che sarebbero andati anche loro a Madrid ma non hanno trovato il biglietto!)

 

DA IL QUOTIDIANO del 26/5/2010

ALCUNI PUNTI DEL PROGRAMMA DI ADDUCE

“Cultura, turismo, Sassi, urbanistica, macchina organizzativa e riorganizzazione sono alcune delle materie più importanti su cui la relazione programmatica del sindaco Salvatore Adduce si è incentrata lunedì in consiglio comunale. Scrive inoltre Adduce: <<Con lo stesso spirito e la stessa forza attrezzeremo la città per la sfida della candidatura a capitale europea della cultura 2019, che rappresenterà l’indirizzo strategico dell’azione di governo!>>

(Cultura, Turismo, Sassi e Matera2019! Finalmente si affrontano le emergenze!)

 

DA SASSILIVE del 27/5/2010

RONDONE FERITO AD UN’ALA

Un rondone ferito ad un’ala ed in balia del suo destino, è stato salvato grazie alla sensibilità di un privato cittadino e delle sue due figliole che  ritrovandolo nel terrazzo della propria abitazione, hanno immediatamente allertato l’ Associazione L.I.D.A. (Lega Italiana dei Diritti dell’Animale). Le due baby animaliste hanno subito provveduto, con l’aiuto dei genitori, a rifocillare la rondine […] Ai genitori delle bimbe, preoccupati per la sorte del volatile, gli operatori zoofili hanno spiegato approfonditamente l’iter intrapreso ed assicurato la completa guarigione della rondine.

(Ma allora esiste veramente la famiglia del Mulino Bianco!)

 

DA ANSA DEL 27/5/2010

PRIMA FONTANA MUSICALE AL MONDO IN SITO UNESCO

“La fontana circolare di piazza Vittorio Veneto, a Matera, sara’ la prima ‘musicale’ al mondo, in un centro storico patrimonio dell’Unesco.”

(Quando si dice la fortuna!)

 

DA 100% BASILICATA DEL 27/5/2010

IN BASILICATA UN PRESS TOUR CON GIORNALISTI RUSSI

“Quattro paia di occhi azzurri sgranati dalla gioia di poter posare piede sul suolo della Magna Grecia. Sono gli occhi di quattro giornalisti di alcune delle più rinomate testate russe giunti ieri mattina in Basilicata per dare il via alle cinque giornate del Press Tour pianificato e organizzato dall’Apt Basilicata.”

(Dalla Russia con amore!)

Share

Written by materatown

May 28th, 2010 at 12:04 am

Noi siamo piccole…ma cresceremo!

with 5 comments

assessoriFinalmente una bella notizia che oggi vogliamo condividere con tutti voi, cari lettori fuorisede. A Materatown sono stati, dopo una lunga ed articolata selezione, nominati i nuovi assessori. Non è stato facile in quanto il profilo richiesto era veramente molto elevato. Si richiedeva, infatti, come prerequisito fondamentale un Curriculum Vitae che dimostrasse attinenza con il ruolo richiesto nonchè l’attitudine dei candidati a ricoprire pienamente le varie deleghe assessorili. Indispensabile era poi l’appartenenza alla cosidetta “società civile” il cui significato, ammetto la mia ignoranza, non ho ancora ben capito, e soprattutto mi sono oscuri quali siano i criteri grazie ai quali si entra a farne parte. Era, altresì,  considerato titolo preferenziale l’età anagrafica dei candidati, che doveva per ragioni ovvie essere non elevata in quanto i giovani, come detto in altre circostanze, sono per loro natura, belli, capaci ed intelligenti. Per finire, completava il profilo l’appartenenza dei candidati assessori alla categoria protetta dell’ “esser donne”. Da quello che abbiamo appreso dalle nostre fonti, i Curriculum inviati al Sindaco sono stati numerosi e dopo una attenta fase di preselezione solo pochissimi hanno dimostrato di poter ambire al prestigioso incarico da assessore, anzi, erano talmente pochi che qualcuno ha paventato la triste possibilità di estendere la selezione anche oltre i confini cittadini, attingendo così a “intelligenze” forestiere visto l’ambizioso profilo ricercato. Poi, per fortuna, questo pericolo è stato scongiurato ed oggi siamo lieti di presentare ai nostri lettori i 4 candidati, gli unici tra l’ intera cittadinanza in possesso di tutti, ma dico tutti, i requisiti richiesti.

MARIA PISTONE:

  • Curriculum: Avvocato (*);
  • Titoli: Giovane (1975) ed appartenente alla società civile;
  • Categoria protetta: Donna
  • Assessore a: Tutela gestione valorizzazione del patrimonio UNESCO (Sassi e Murgia materana); centro storico; realizzazione opere pubbliche; gestione e manutenzione del patrimonio.
  • Note: Con un Curriculum alle spalle così vasto, ha chiesto, e giustamente ottenuto, che le venisse conferito l’incarico di Vice Sindaco.

SILVIA VIGNOLA

  • Curriculum: Avvocato (*);
  • Titoli: Giovane (1972) ed appartenente alla società civile;
  • Categoria protetta: Donna
  • Assessore a: Politiche sociali, politiche di inclusione, politiche a favore dei giovani, benessere e salute, parità, famiglia, politiche a favore dei diversamente abili; sovrintendenza indirizzo e controllo per le politiche per la scuola per l’infanzia e l’adolescenza; tutela dei diritti umani della pace e della solidarietà; attività motorie e sportive.
  • Note: Vista la delega alla “tutela dei diritti umani della pace”, ha preteso un impegno sottoscritto dal Sindaco che la esonerasse da viaggi in Iraq o in Afghanistan.

SIMONA GUARINI

  • Curriculum: Responsabile della formazione presso il Centro Servizi per il Volontariato della Basilicata (*);
  • Titoli: Giovane (1965) ed appartenente alla società civile;
  • Categoria protetta: Donna
  • Assessore a: Sviluppo dell’innovazione tecnologica nella pubblica amministrazione; sviluppo e miglioramento dei servizi amministrativi e dei rapporti con i cittadini e la cittadinanza attiva; pari opportunità; partecipazione democratica e trasparenza; servizi demografici e statistici; connessione dei quartieri con il centro cittadino;
  • Note: Ha accettato all’unica condizione che qualcuno le spieghi, in pratica, la differenza tra cittadinanza normale e “cittadinanza attiva”! 

TERESA BENGIOVANNI

  • Curriculum: Dipendente delle ASL (*)
  • Titoli: Giovane (1971) ed appartenente alla società civile;
  • Categoria protetta: Donna
  • Assessore a: Politiche per la sostenibilità ambientale, servizi per la tutela dell’ambiente, igiene pubblica, manutenzione e gestione del verde pubblico; politiche per la qualità della vita; benessere animale.
  • Note: Pare, e come non darle torto visto il possente Curriculum, che si sia resa conto solamente dopo la nomina, che l’incarico conferitogli fosse troppo gravoso (soprattutto quello relativo al benessere animale) da far conciliare con le sue attività lavorative e si vocifera perciò su probabili dimissioni dalla carica di assessore.

(*) (Tratto dal Sito Ufficiale del Comune di Materatown)

Share

Written by materatown

May 24th, 2010 at 12:04 am

Posted in Materatown

47 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

with 3 comments

rassegna11Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigando freneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura.

DA IL QUOTIDIANO del 13/5/2010

CRITICHE SULLA PARTECIPAZIONE ALL’EXPO

“Pane di Matera a Shanghai. Spreco di risorse per un ritorno quasi nullo!”

(Ma chi l’avrebbe mai detto! )

 

DA IL QUOTIDIANO del 13/5/2010

CRAVATTE “OUT”

“Non passerà alla storia per essere stata la seduta di consiglio regionale più elegante della storia. C’è molta emozione. Molta politica. Tanti abbracci, qualche bacio e strette di ano sincere.”

(Va bene “gli abbracci”, va bene “i baci”…ma così mi sembra troppo!)

 

Da LUCANIANEWS24 del 15/5/2010

DICHIARAZIONE ADDUCE

Adduce: “Ho intenzione di proporre alla nostra componente e al partito l’incarico di Vicesegretario regionale per Marcello Pittella, che proprio in queste settimane ha dato prova eloquente di generosità, maturità e lungimiranza politica!

(La famiglia sentitamente ringrazia! )

 

Da TRMTV del 17/5/2010

BAMBINI A LEZIONE DI FESTA DELLA BRUNA

“Questa mattina, i bambini de “L’albero azzurro” hanno incontrato alcuni dei protagonisti del 2 luglio, il generale della cavalcata della Madonna della Bruna, Angelo Raffaele Tataranni, ed  Enzo Festa, in rappresentanza dei cavalieri che con un approccio semplice e originale, hanno spiegato loro il rito della cavalcata,  il ruolo dei cavalieri che accompagnano e scortano il carro e la Madonna della Bruna per tutta la durata della festa, simulando anche la vestizione, con corazza, elmo e mantello.”

(Poi, però, non ci lamentiamo se quando crescono si danno all’alcool! )

  

DA SASSILAND DEL 17/5/2010
 
NUOVE SCRITTE CONTRO LA POLITICA MATERANA

Nuove scritte che denigrano il clima politico materano hanno fatto la loro comparsa al quartiere Agna Le Piane.”

(Agna ribelle! )

 

DA IL QUOTIDIANO del 18/5/2010

DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE

“E’ molto efficace contro insetti volanti e striscianti”

(Volanti e striscianti? Ma che bestie ci sono a Materatown? )

 

DA IL QUOTIDIANO del 18/5/2010

IL SALVATAGGIO

“Falco grillaio in trappola nel controsoffitto dell’INPS”

(E’ proprio il caso di dire “come ho fatto a vivere senza sapere che…” )

 

DA IL QUOTIDIANO del 19/5/2010

CONCORSO IDEAMA, ROSARIA COLETTA VINCE FANTASCATTO

La giuria ha decretato, all’unanimità quale vincitore del concorso la foto di Anna Coletta dal titolo “La Maestosità della vecchia guardia e l’insicurezza attaccabrighe del nuovo movimento che non sa fare politica”. L’immagine  ritrae in primo piano l’ex sindaco della città dei Sassi, Emilio Nicola Buccico, mentre si allontana dal palco dove è appena iniziato il comizio della lista civica Matera a 5 stelle”

(Ma il titolo lo ha pensato tutto da sola o è frutto di un gruppo di lavoro? )

 

Da IL POMERIDIANO del 20/5/2010

MATERA: IL CONSIGLIO REGIONALE INCONTRA LE ISTITUZIONI

<<Nutrire la memoria, rafforzare l’identità, costruire la ‘rete’ dei lucani, ovunque si trovino, per far crescere la comunicazione fra le tante ‘Basilicate’ presenti nel mondo: questo è il compito a cui è chiamato oggi il Consiglio regionale>>  Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Vincenzo Folino.

(Quando si dice “parlar chiaro”! )

 

Da IL POMERIDIANO del 20/5/2010

ETICA POLITICA E INCARICHI

<<Un nuovo riposizionamento politico, o meglio un’azione politica credibile, capace di comprendere e farsi comprendere dagli elettori, passa obbligatoriamente attraverso una più moderna ed incisiva attività e comportamenti improntati ad una nuova etica della politica in grado di tornare a far avvicinare i cittadini alle istituzioni. >> Dichiarazione di Marcello Pittella, Consigliere Regionale PD , fratello del Sen. Gianni e figlio del Sen. Domenico

(Nota per i lettori: Nonostante la dichiarazione appena pubblicata possa far pensare il contrario, ci teniamo a chiarire che la parte comica della rassegna stampa rimane sempre quella scritta in grassetto!)

Share

Written by materatown

May 21st, 2010 at 12:01 am

Ho visto cose a Materatown che voi…(4)

without comments

ho visto

 

Durante la mia ultima “discesa” primaverile

 

HO VISTO COSE A MATERATOWN CHE VOI UMANI NON POTETE NEANCHE IMMAGINARE:

 

  • Ho visto un fuorisede incontrato casualmente in autobus ed anche lui diretto a Materatown lamentarsi per il lungo viaggio e dire con spiccato accento finto-milanese: <<Mi si è “brasato” il cervello! >>
  • Ho visto un avventore entrare in un bar e chiedere:<<Che mi dai un po’ di cornetti che li porto via?>>
  • Ho visto il barista rispondere: <<No dai! chè ne ho pochi!>>
  • Ho visto mia zia dirmi:<<Io vado spesso all’Ipercùp (ndr: Ipercoop)!>>
  • Ho visto un mio amico stanziale dirmi:<<Quest’estate avrei voglia di farmi un viaggio “very long”>>
  • Ho visto un cliente del Bar Tripoli con occhiali da sole grandi come fari di un TIR ordinare: <<Maurì! Fammi una vaschetta cioccolà, crè e torroncì! >>
  • Ho visto “Maurì” chiedere:<<Quanto la vuoi grande la vaschetta?>>
  • Ho visto il cliente sgranocchiare delle arachidi e  rispondere: <<Fai tu Maurì!>>
  • Ho visto un amico stanziale invitarmi per un caffè al Cinetix alle 4 di pomeriggio! Sembrava di essere alla convention nazionale dei “tronisti” di Maria De Filippi!
  • Ho visto il sottoscritto andare da Paoluccio e chiedere 1 Kg di pane affettato ed un cliente commentare:<<Il Pane di Materatown non si affetta!>>
  • Ho visto il sottoscritto tentare una timida giustificazione:<<Ma io non vivo a Materatown! Lo dovrò congelare!>> e Paoluccio intervenire: <<Lo rovini uguale!>>
  • Ho visto la Signora Lina in TV!
  • Ho visto una guida turistica in Via Ridola dire ad un gruppo di turisti veneti: <<E adesso andiamo tutti in un forno tipico a provare il nostro pane molto migliore di quello di Altamura che è più famoso ma i pugliesi, si sa, sono più “commercianti” dei materani!>> 
  • Ho visto mia sorella chiedere ad una commessa di un supermarket del centro se avevano una precisa marca di caffè!
  • Ho visto la commessa risponderle:<<Signorì! Quello che c’è…è quello che sta lì nello scaffale!>>
  • Ho visto il negoziatante di fiducia di mia madre dirle: <<Signora, ieri faceva freddo ed oggi hai visto che caldo? A Materatown il tempo è così! Si passa da un estremo all’altro!>>
  • Ho visto una ex compagna di scuola che non vedevo da anni, comparire all’improvviso come impiegata in una banca di Materatown!
  • Ho visto un mio amico stanziale spiegarmi il mistero: <<E per forza! Si è sposata con ….>>
  • Ho visto un mio parente dirmi come ogni volta che torno a Materatown: <<Sei venuto qui a fare il figlio di famiglia con mamma e papà!!>>
  • Ho visto mio padre la sera prima della partenza pressare le scamorze nel bagaglio!
  • Ho visto mio padre la sera prima della partenza salire sulla bilancia e pesarsi!
  • Ho visto mio padre la sera prima della partenza salire sulla bilancia con la valigia in braccio e pesarsi!
  • Ho visto mio padre alle prese con l’equazione: (peso padre con valigia) – (peso padre) = Peso Valigia
  • Ho visto il sottoscritto, a seguito della “pesata” paterna, togliere, tra le lacrime, un po’ di scamorze dalla valigia fino a raggiungere il peso consentito dalla compagnia area!
  • Ho visto il sottoscritto alzarsi alle 4 di mattina e pensare: <<Adesso è tempo di volare! >>
Share

Written by materatown

May 17th, 2010 at 12:01 am

46 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

with 2 comments

rassegna11Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigando freneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura.

FACEBOOK DI SALVATORE ADDUCE

DISCORSO DI INSEDIAMENTO

“I Sassi, da vergogna nazionale a patrimonio dell’umanità, hanno attraversato una parte fondamentale di questa storia regalandoci una fonte di speranza per il futuro!”

(Finalmente idee originali…)

 

FACEBOOK DI SALVATORE ADDUCE

DISCORSO DI INSEDIAMENTO

Vogliamo una città che sappia parlare ai turisti!

(…anzi originalissime!

 

FACEBOOK DI SALVATORE ADDUCE

DISCORSO DI INSEDIAMENTO

“I Sassi e la nostra storia sono la nostra unicità che nessuno può delocalizzare!”

(Delocalizzare i Sassi e la Storia? Puoi ripetere, chè mi ero distratto?) 

   

DA IL QUOTIDIANO della BASILICATA del 6/5/2010

NEI SASSI UNA NOVITA’ SENZA ATTINENZA CON LA TRADIZIONE LOCALE

“Peggiora la qualità dell’arredo urbano nei Sassi. E la questione non è di poco conto per un sito Unesco. Inspiegabilmente gli ormai storici gettacarte in ferro battuto di colore grigio scuro sono spariti. Tutti sostituiti da nuovi bidoni verdi in plastica.”

(Vero giornalismo d’inchiesta!)

 

DA FACEBOOK DEL PRESIDENTE CONFESERCENTI SCHIUMA DEL 7/5/2010

DICHIARAZIONE

“Basta tirare lo sciacquone e la merda se ne va, la vita continua e si può tornare a mangiare! Sarei curioso di sapere, negli ultimi vent’anni quante volte il presidente del consiglio comunale è stato eletto senza problemi.” (guarda)

(Questa sì che è una sottile analisi politica !)

 

DA FACEBOOK DELL’ASSESSORE GUARINI DEL 7/5/2010

DICHIARAZIONE

“A volte sono davvero cretina” (guarda)

(Su non ti buttare giù! Poi, se è solo “a volte”, non è grave!)

 

Da TRMTV del 10/5/2010

IL REUNION PROJECT HA APERTO CULTUREE CHITARRISTICHE

“All’auditorium “Gervasio” di piazza del Sedile si è svolto il concerto del “Reunion project”, ensemble dedito a sonorità swing e manouche […] Oltre che aprire la kermesse, al “Reunion project” è toccato anche celebrare, in musica, il centenario del chitarrista zingaro Django Reinhardt, della tribù Manouche d’Alsazia.”

(Quando ti tocca…ti tocca!)

 

Da IL QUOTIDIANO del 12/5/2010

MONGOLFIERA IN VOLO SUI SASSI

“Una mongolfiera in volo su Matera in occasione di un matrimonio”

(Al prossimo matrimonio mi devo ricordare di portare una fionda!)

 

Da NOTIZIE ON LINE del 12/5/2010

AGGRESSIONE AL SINDACO DI MATERA

“Il sindaco di Matera, Salvatore Adduce e’ stato aggredito oggi nel centro di Matera da un uomo di 34 anni che reclamava un posto di lavoro.”  

(Un posto di lavoro? Strano! Ed io che pensavo che i veri problemi fossero il turismo e la cultura!)

 

Da TRMTV del 13/5/2010

PRIMA RIUNIONE PER LA FESTA DELLA BRUNA 2010

“Sono state disposte, tra l’altro, misure per contrassegnare cavalli e cavalieri, palafrenieri e veterinari”

(Se torno a nascere voglio fare il palafreniere!)

Share

Written by materatown

May 14th, 2010 at 12:57 am

Anche i senatori piangono

with 9 comments

senatori_piangono11Ebbense sì lo confesso! Da mesi sono video-dipendente di una soap-opera e non me ne perdo, per nessuna ragione al mondo, neanche una puntata! A mia parziale giustificazione posso dire però di non essere l’unico; infatti il successo che questa trasmissione sta riscuotendo è oramai senza precedenti e sto parlando dell’ unica ed inimitabile telenovelas dal titolo “Anche i senatori piangono“! Come tutte le soap-opera che si rispettano, anche questa,  narra le vicende avventurose e piene di intrighi di una nobile famiglia, che nel caso specifico è quella Antessão e dei suoi membri. Per i pochissimi lettori che non ne hanno, comunque, mai sentito parlare, tenterò di farne un breve riassunto:

La saga familiare comincia con le avventure di Maria de Assunciòn Antessão, la capostipite, che mentre frequenta l’Universitad de Giurisprudenza decide un bel giorno, a soli 30 anni, folgorata da un’ improvvisa passione politica, di lasciar gli studi e candidarsi all’ “Assemblation Regional Lucaneira” dove viene eletta. Per anni Maria de Assunciòn Antessão svolge la sua attività politica con grande spirito di abnegazione, ma anche con tanta ambizione fino a diventare la Presidentessa della Assemblatìon Regional Lucaneira.  Ma non si ferma qui. La strada per ben più importanti incarichi nazionali è oramai spianata e si candida così alle Electiòn Nacionàl ed anche questa volta con successo, diventando “Membro do Senado de la Repubblica”. Ma un bel giorno, durante il pranzo per la Festa della Santissima Vergine Maria de la Bruneta, la sorella di Maria de Assunciòn, la bella Nunziatìn Antessão della Incoronada presenta all’intera famiglia il suo nuovo giovane amore Luchiño della Casada dei Braião. Proprio durante i festeggiamenti per la Vergine Maria, Nunziatìn della Incoronada confida alla sorella che il suo dolce amor Luchiño vorrebbe lavorare perchè è stanco di star tutto il giorno senza far niente e chiede quindi a Maria de Assunciòn di adoperarsi. Ed è così che Luchiño di Braião, come per incanto, viene candidato ed eletto anche lui alla Assemblatiòn Regional Lucaneira. 

Dopo i primi mesi di armonia e felicità, il rapporto tra Luchiño e Nunziatìn comincia ad incrinarsi ed è proprio quest’ultima, durante una celeberrima puntata (ndr: io addirittura l’ho videoregistrata così me la rivedo tutte le volte che voglio! ) che, in lacrime, ne spiega il motivo sempre alla sorella Maria de Assunciòn confessando che il suo amor, da quando è stato eletto alla Assemblatiòn Regional Lucaneira, non è mai in casa e che lei si è stufa di stare tutto il giorno, in solitudine, davanti alla TV. Ancora una volta la Senadrice va in aiuto della sorella e perciò la candida alla “Assemblatiòn Comunàl de Materatown” facendola così eleggere. Finalmente la serenità e l’unità adesso sembra regnare in casa Antessão in quanto ogni membro della nobile Casada non ha più motivo di annoiarsi e sembra che nulla possa scalfire questa armonia. Ma accade l’imprevisto.

In città, gente malvagia ed invidiosa comincia a diffondere la calunniosa voce che la famiglia Antessão ha fatto del suo amore per la “res pubblica” solo un pretesto per consolidare il potere in città. Il capofamiglia Maria de Assunciòn preferisce elegantemente non rispondere a queste voci malevole così come la “di lei” sorella, la bella Nunziatìn Antessão della Incoronada. Purtroppo non altrettanto fa Luchiño di Braião che, da “uomo di casa”, decide di intervenire e difendere le sue donne rilasciando una pubblica intervista al periodico locale “El Quotidiano do la Basilicata” in cui nega di essere all’ Assemblation Regional Lucaneira grazie alla cognata ma soprattutto non cita mai Nunziatìn direttamente ma la chiama semplicemente “la sorella di Maria de Assunciòn”. Le conseguenze di questa improvvida intervista sono il tema delle ultime puntate. Nunziatìn affranta e con il cuore spezzato piange tutto il dì distesa sul letto, abbracciata ai suoi peluches nella cameretta della residenza “Antessão”  e non fa che ripetere singhiozzando <<Perchè mi hai fatto ciò Luchiño? Perchè?>>. Maria de Assunciòn Antessão invece va su tutte le furie. Nel Senado de la Repubblica si odono rumori di vasi rotti ed invettive contro Luchiño di Braião e l’ultima puntata finisce con la Senadrice che chiama al telefono il cognato e gli urla:<< Luchiñooo!!! Come hai osato parlare tu a nome della stirpe Antessão senza il mio permesso!!!?? Sono io che comando nella nostra Casada! Adesso monta a cavallo e vieni subito a trovarmi al Senado che così facciamo i conti una volta per tutte! >>. Il povero Luchiño prova una timida difesa: <<Ma..ma.. Maria Assunciòn io pensavo di fare solo il bene della famiglia Antessão e ti prometto non lo farò più e non parlerò con nessuno senza prima interpellare te…Perdonami!…e..e..poi…il cavallo “è stato malato” e non so se riesco a venire! >>. Ma a nulla valgono queste giustificazioni, anzi la furia di Maria de Assunciòn monta sempre più: <<Luchiñoooo! Non voglio sentir ragioni! Vieni subito qui e aspettami “giù al portone” del Senado! >>. L’ultima scena della soap-opera mostra Luchiño in lacrime ed indeciso se scappare e far perdere le sue tracce tra le terre impervie della “Sierra de La Murgiada ” o affrontare il suo destino e recarsi al Senado!

Cosa farà Luchiño della Casada dei Braião? Quale punizione ha  in mente per lui  Maria de Assunciòn? Lo farà espellere dalla Assemblatìon Regional Lucaneira? O a sorpresa lo perdonerà magari donandogli un Assessorado nei prossimi mesi? E Nunziatìn Antessão della Incoronada? Uscirà dalla cameretta dove si è ritirata? Abbandonerà il suo orsetto di peluche per tornare alla Assemblatiòn Comunàl de Materatown? Rivedrà il suo grande amore Luchiño? Le risposte a queste domande nelle prossime puntate di… ANCHE I SENATORI PIANGONO!

Share

Written by materatown

May 10th, 2010 at 12:01 am

45 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

without comments

rassegna11Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigando freneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura.

Da IL RESTO del 24/4/2010

L’ALBERO DELLA VITA DI A. GIAMPIETRO

“Il meritatamente pluripremiato autore ha dedicato la sua esistenza (e speriamo la dedichi ancora per molti lustri!) al bene degli educandi!”

(L’autore si tocchi!)

 

Da IL RESTO del 24/4/2010

VIGILARE SUL PARCO DELLA MURGIA

“In piena area parco – si legge nella nota a firma di Paolo Montagna, direttore del Centro – oltre al sistematico e consistente abbandono di effetti personali intimi, è in consistente aumento il rilascio di bottiglie di alcolici e superalcolici, oltre che di scarti di rosticceria.”

(Gioventù bruciata di Materatown! Solo sesso, alcool e… panzerotti!)

  

Da IL QUOTIDIANO del 28/4/2010

PROMOSSO IN SERIE B IL CIRCOLO LAPACCIANA

“Il circolo di scacchi Lapacciana di Matera dopo soli due anni ha portato la sua squadra in serie B.”

(Ed ora tutti in piazza a festeggiare con bagno a mezzanotte nella fontana!)

  

DA MILLEMEDIA.IT del 30/4/2010

RESOLVIS ENTRA NEL SYNAPTIC DIGITAL RE-SELLER PROGRAMME

“Resolvis offrirà i servizi Synaptic Digital ad integrazione delle proprie attività di produzione multimediale, distribuendo i contenuti dei suoi clienti attraverso la piattaforma thenewsmarket.com. L’azienda di Matera offre alla sua clientela un solido background nella produzione di servizi di comunicazione.”

(Vi farei i complimenti se avessi capito di cosa stiamo parlando!)

 

Da IL QUOTIDIANO del 1/5/2010

CONFRONTO E CONDIVISIONE PER USCIRE DALLA CRISI

“La Confesercenti ritiene che il modo migliore per affrontare i problemi che affliggono il territorio, sia quello delle 3 C, confronto, condivisione e coinvolgimento”

(Ditemi almeno che non li pagano per dire queste cose!)

 

Da IL POMERIDIANO del 2/5/2010

OLIVIERI RIFLETTE SUL PDL MATERANO

<<L’avanzata degli ‘Aennini’ nel Pdl, a Matera, è avvenuta grazie ad una ‘dirigenza letargica’>>

(Aennini? Letargica? E se riflettesse un po’ più in silenzio? )

 

Da IL POMERIDIANO del 2/5/2010

IL 29 DICEMBRE A MATERA IL PIU’ GRANDE PRESEPE DEL MONDO

“All’iniziativa hanno aderito il Comune e la Provincia di Matera, l’Apt e il Circolo “La Scaletta”. Il progetto, che prevede anche l’istituzione permanente di laboratori emozionali per la diffusione di un ars vivendi improntata sul rispetto delle persone e della natura, vuole svelare la bellezza della vita tramite la bellezza del patrimonio culturale e mira all’esaltazione dei più alti valori simbolici dell’esistenza.”

(Il bue e l’asinello dopo aver letto questo articolo hanno disdetto l’impegno!)

 

Da IL POMERIDIANO del 3/5/2010

TURISMO E SALOTTO: A MATERA URGONO INCONTRI

“Un obbligo istituzionale e morale nei confronti dei lavoratori espulsi dai processi produttivi!”

(Dopo “i diversamente abili” e “gli operatori ecologici”  ci mancava solo “il lavoratore espulso dai processi produttivi”!)

 

Da IL QUOTIDIANO del 3/5/2010

CRISI E OCCUPAZIONE

“Adduce e Stella dalla Mastrosimone”

(…e poi tutti insieme da Mastella…Ops! Volevo dire da Di Pietro!)

Share

Written by materatown

May 7th, 2010 at 12:03 am

Un fuorisede piccolo piccolo

with 9 comments

mario farisano

Materatown.net ha pensato di commemorare il Primo Maggio immaginando di ricevere la seguente lettera. Buona lettura.

“Cari lettori, la foto pubblicata oggi che ritrae il sottoscritto, a molti di voi non dirà assolutamente nulla. Non sono una celebrità nazionale e nemmeno un personaggio noto di Materatown. Sono, in verità, un fuorisede piccolo piccolo. Faccio parte, cioè, di quella categoria di fuorisede che vivono qui al Nord, provenienti  da un piccolo paese in provincia di Materatown. A “muovermi” sono stato abituato sin da piccolo, avendo iniziato la carriera migratoria a 14 anni quando iniziano le scuole superiori, ed assonnato  prendevo il pullman la mattina presto per arrivare  a scuola in quella che, ai miei occhi, era la metropoli.  Sedevo all’ ultimo banco e non di rado i professori mi riprendevano perchè sorpreso a sonnecchiare con la testa poggiata sul banco. A qualcuno più fortunato di me, i genitori avevano preso in affitto una casa per evitargli questa attività da pendolare, e così si ritrovavano a convivere insieme a qualche vecchia vedova a Piccianello o a San Pardo. Ma questi erano casi rari.  Non abitando in città, quindi, non ho mai partecipato alle uscite serali di classe o alle feste di compleanno dei miei compagni di scuola. Quando invece festeggiavo il mio di compleanno, portavo in classe i prodotti tipici del mio paese o dolci fatti in casa. Questa, in poche parole, è stata la mia vita fino al diploma.

Poi,  ho iniziato a cercare lavoro. Non so dirvi quante volte sono venuto a Materatown, fosse solo per sfogliare i giornali locali alla ricerca di qualche offerta di lavoro, ma con scarsissimi risultati! Leggevo di convegni sul lavoro, di studi sulle potenzialità del turismo, di Unesco, di Cultura e delle relative opportunità occupazionali, ma alla fine la sera me ne ritornavo in paese sempre disoccupato così come ero partito la mattina. Ho provato anche a fare qualche concorso pubblico ma non ne ho mai vinto uno. Nel mio paese, in verità, c’è stata una ragazza che una volta l’ha vinto il concorso, ma era la figlia di  un ex-consigliere e con lei, poi, lo ha vinto anche il marito, ma come diceva mia nonna erano “persone importanti assai”.

Ma torniamo a me. Come dicevo, ho provato a fare qualche concorso ma senza successo, e così mi sono “barcamenato” con qualche lavoretto saltuario, e, soprattutto, ho fatto tantissimi corsi di formazione.  In uno, addirittura, l’insegnante era proprio la mia compaesana che aveva vinto con il marito il concorso pubblico.  Il tempo passava ed io mi sono ritrovato a 34 anni “formatissimo” ma sempre disoccupato per la maggior parte dell’anno. E così ho preso la decisione, che già fu di mia sorella e mio fratello, cioè di fare i  bagagli ed andare al Nord. Qui ho trovato un lavoro presso un’ azienda e mi hanno assunto come operaio. Non so dirvi la meraviglia quando ho visto la mia prima busta paga, dove la cifra dello stipendio era proprio quella che poi mi davano veramente. Per quasi dieci anni  la mia vita è stata bellissima: mi sono sposato ed ho avuto due figlie dalla mia fidanzata che nel frattempo aveva lasciato anche lei il paese raggiungendomi al Nord. 

Poi, un bel giorno, in azienda ci hanno chiamato e ci hanno detto che a causa della crisi economica, del crollo della Borsa e di certe manovre sbagliate da parte di grosse banche, molti di noi sarebbero stati messi in cassa integrazione. Ed è toccato anche a me, nonostante io alla mia banca la rata del mutuo l’avessi sempre pagata. Il brutto di quando si finisce in cassa integrazione è che inizi a fare “il conto alla rovescia” e pensi a quando non ti arriveranno più gli 800 euro e a come farai a vivere tu e la tua famiglia. Un altro aspetto brutto è che ti svegli la mattina e rimani solo in casa mentre tua moglie è fuori, e così tocca a te uscire e fare la spesa, ma ti senti gli occhi di tutti addosso: dei negozianti, dei pensionati sulle panchine e delle cassiere del supermercato, e chissà perchè ti vergogni di essere senza lavoro neanche fossi un ladro. Ed allora inizi  a non uscire più e rimani in casa per ore e ore a guardare la TV o a inventarti qualche lavoretto di “bricolage”. 

Ora, dovete sapere che, quando un fuorisede attraversa un momento di difficoltà, istintivamente viene preso dal desiderio di ritornare a “casa” nel suo paese, convincendosi in questo modo di  ritrovare sollievo. E questo è successo anche a me. Ogni tanto mi dicevo: “adesso me ne torno giù, c’è tanta gente che mi vuole bene e magari troverò un po’ di pace e serenità! “. Poi, però, ho riflettuto meglio e ho pensato che sarebbe stato inutile, tanto un lavoro non lo avrei mai trovato, a meno di essere fratello o cognato di qualche persona “importante”, ma, non essendo questo il mio caso,  ho deciso di rimanere al Nord nonostante il “conto alla rovescia”  della cassa integrazione fosse ormai quasi terminato.

Ma ora che ci penso, sono veramente un maleducato! Non mi sono ancora presentato. Mi chiamo Mario Farisano, fuorisede nordico “piccolo piccolo” della provincia lucana. Ho 44 anni, sono disoccupato e quindici giorni fa dopo aver accompagnato mia figlia a scuola sono tornato a casa. Era più vuota del solito. Sono sceso in garage ed ho deciso di interrompere il “conto alla rovescia”! (*) 

Un saluto ed un felice I Maggio a tutti gli stanziali e fuorisede!”

 (*) Mario Farisano fuorisede lucano in terra emiliana da 10 anni, la mattina del 17/4/2010, dopo aver accompagnato la bambina più piccola all’asilo, si è impiccato nel suo garage utilizzando la corda per saltare della figlia. Era in cassa-integrazione e non ha retto alla paura di non riuscire più ad arrivare alla fine del mese. (Fonte “La Repubblica” del 17/4/2010)

Share

Written by materatown

May 3rd, 2010 at 12:01 am

Posted in Materatown