Il sito dei fuorisede di Matera

Archive for July, 2010

Quando il gioco si fa duro..l’opposizione comincia a giocare!

with one comment

governo_ombraViste le acque agitate in cui ultimamente naviga la giunta comunale di Materatown e, soprattutto, stando alle voci di corrodoio che danno la maggioranza del sindaco Adduce vicina ad un prossimo fallimento, l’opposizione, come è giusto che accada in un Paese democratico, sta affilando le armi e sta lavorando alacremente per non farsi trovare impreparata nell’ ipotesi, non poi così remota a questo punto, di dover prendere il timone di comando del Comune di Materatown. Ed è così che il capo dell’opposizione, nella persona del suo indiscusso leader Angelo Tosto, ha deciso, seguendo una tradizione di tipo anglosassone, di instituire una giunta-ombra che oltre a   lavorare parallelamente a quella in carica, spera di subentrarne qualora gli eventi politici locali lo rendessero necessario.

Materatown.net, è oggi lieta di presentare ai suoi lettori la foto ufficiale di presentazione di questo nuovo gruppo di futuri amministratori così come pubblicata nella pagina di facebook di uno dei membri del neocostituito esecutivo-ombra:

Partendo da sinistra possiamo riconoscere nell’ordine il nuovo Assessore (quella con borsetta a forma di frisbee) alle Politiche per i Giovani e gli Anziani. Al suo fianco, sorridente e stretta al suo carismatico leader la nuova titolare alla Cultura e alla Pubblica Istruzione. Al centro è ovviamente raffigurato il sindaco-ombra Angelo Tosto che, per i pochi che non lo conoscessero, è l’uomo con pantaloni neri e camicia bianca elegantemente sbottonata al punto giusto in modo da far intravedere il petto villoso. Alla sua sinistra spicca la figura del vicesindaco-ombra nonchè portavoce della nuova giunta-ombra in completa tenuta bianco-latte in perfetto stile Lele Mora. Avvinghiata all’ aitante vicesindaco troviamo il nuovo Assessore alla Formazione ed al Patrimonio Unesco e per concludere, ultima ma solo nella foto, l’unica “mora” del gruppo titolare del futuro dicastero al Turismo ed alle Attività produttive.

Non possiamo, a questo punto, che congratularci con l’opposizione per come sta svolgendo il ruolo che le compete, e porgiamo i più sentiti auguri di buon lavoro alla nuova compagine sperando, ma ne siamo certi vista l’elevata caratura dei suoi membri, che possano impegnarsi a fondo per il bene di Materatown e dei suoi cittadini che tante speranze ripongono in questa innovativa classe dirigente.

Share

Written by materatown

July 28th, 2010 at 12:01 am

Posted in Materatown

54 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

without comments

rassegna11Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigandofreneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura.

DA FACEBOOK DEL 13/7/2010

DICHIARAZIONE SIMONA GUARINI

Dichiarazione dell’assessore Simona Guarini sull’articolo “QUEL PASTICCIACCIO BRUTTO DI MATERATOWN”:<<Spieghiamo al Signor Materatown che quando si utilizzano fonti altrui, le si cita appunto come altrui e non come proprie. Per la cronaca la foto è mia!>>

(Chiedo scusa all’artista !)

 

DA IL POMERIDIANO DEL 18/7/2010

A SANTIAGO DEL CILE MOSTRA DEDICATA A UN LUCANO
 
“Esponenti istituzionali della Regione Basilicata, hanno incontrato il dott. Pasquale Centracchio, responsabile dell’ufficio consolare italiano con sede in Santiago del Cile”

(Ed anche quest’anno il problema delle ferie lo hanno risolto!)

 

DA IL POMERIDIANO DEL 18/7/2010

MATERA: A PASSEGGIO CON L’ ONYX

Ha avuto grande successo il penultimo appuntamento con le Passeggiate dell’Onyx. Circa 15 persone accompagnate da Giovanni Lacertosa, responsabile del settore Ambiente dell’Onyx hanno visitato la software house “La Traccia”.

(“Circa” 15 persone? Capisco che di fronte ad una così folta presenza è difficile essere precisi!)

 

DA IL QUOTIDIANO del 20/7/2010

VIA AI LAVORI DELL’INFODAY

<<Questo secondo appuntamento con le opportunità di finanziamento della UE per la crescita, la competitività e l’innovazione territoriale – ha sottolineato il presidente dell’Ente di via Ridola, Franco Stella – si concentrerà sui giovani imprenditori e sulla promozione della internazionalizzazione delle imprese attraverso lo sviluppo di partenariati europei in grado di valorizzare lo scambio di know how tra imprenditori che operano negli stessi segmenti di mercato ma in Paesi diversi>>

(Partenariato, internazionalizzazione e know-how? E dai…chè già fa caldo!)

 

DA TRMTV.IT DEL 21/7/2010

MANCA POCO PER LA DUE GIORNI REGGAE A MATERA

Il Comune di Matera ha supportato economicamente il festival – ha informato l’assessore Simonetta Guarini – grazie, anche, alla messa a disposizione gratuita di bus navetta per lo spostamento degli spettatori, dal parcheggio del cimitero nuovo al kartodromo della Palomba, ritorno compreso.

(Prima un salutino ai defunti e poi tutti a cantare e ballare!)

Share

Written by materatown

July 23rd, 2010 at 12:08 am

53 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

without comments

rassegna11Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigandofreneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura.

DA IL QUOTIDIANO DEL 5/7/2010

PROTOCOLLO PROVINCIA ED UNITEP

Il presidente della provincia Franco Stella: <<Attivarsi in tal senso, e sviluppare sinergie a sostegno della “terza età”, risponde al compito istituzionale che ci siamo dati>>

(E’ proprio vero che non si esce mai dal tunnel della sinergia-dipendenza!)

 
DA IL POMERIDIANO del 7/7/2010

DA OGGI MUSICHE DAL MONDO CON ETNOCULTURÈE

“Arpa celtica, arpa paraguayana, didjeridoo, organetto, giochi di fuoco, danze, violino, chitarra e fisarmonica servano a dare la misura e il gusto dell’atmosfera che si respirerà in quelle date nella città dei Sassi.”

(Che peccato, mi perderò l’arpa celtica ma io purtroppo in quei giorni dovrò lavorare!)

 

COMUNICAZIONE AMMINISTRAZIONE COMUNALE DEL 10/7/2010

NASCE A MATERA “LA CITTA’ DEI BAMBINI”

“La nuova amministrazione comunale vuole organizzare il sistema urbano attraverso il paradigma del punto di vista dei bambini e azioni concrete finalizzate ad attivare processi virtuosi tendenti all’accentuazione dei diritti di cittadinanza attraverso forme partecipative già sperimentate con successo in campo internazionale.”

(Prima, però, non sarebbe male dare il buon esempio ai bambini scrivendo in italiano!)

 

DA TRMTV del 13/7/2010

TROPPO CORTA LA COPERTA NELLA MAGGIORANZA ADDUCE

“Se tiri la coperta in su prendi freddo ai piedi, se la tiri in giù alla testa. Dunque quando la coperta è corta puoi solo decidere dove prendere freddo.”

(Originale questa metafora! Non l’avevo mai sentita!)

 

DA IL POMERIDIANO del 14/7/2010

SASSI E STELLE SONANTI (1)

<<E’ una delle più belle produzioni che sia mai stata fatta e che conferma che Matera è un luogo magico in cui si può leggere la storia, partendo dalla preistoria>>. Così il presidente dell’Onyx Jazz club, Gigi Esposito ha commentato la presentazione del dvd “Sassi e stelle sonanti”,

(Leggere la storia dalla preistoria? Farà veramente tanto caldo a Materatown!)

 

DA IL POMERIDIANO del 14/7/2010

SASSI E STELLE SONANTI (2)

Alla conferenza stampa che si è svolta alla Camera di Commercio, era presente anche Pippo Bianco, direttore del centro di Geodesia Spaziale di Matera: <<Quando abbiamo sentito il Si bemolle della sirena della parabola, la commozione per aver realizzato questa iniziativa è stata grandissima>>

(Come ti capisco! Io una volta ho sentito il DO diesis della sirena dei pompieri e da allora non ho ancora smesso di piangere!)

 

DA TRMTV del 15/7/2010

LA PROPOSTA FORMATIVA DELLA FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA

“Per la sede materana è stato attivato il corso di Laurea Triennale in “Operatore dei Beni Culturali” e il corso di Laurea Magistrale in “Scienze del Turismo e dei Patrimoni Culturali” che nel contesto storico–culturale cittadino possono rappresentare delle opportunità fruttuose, capaci di corrispondere alla vocazione del territorio.”

(Le opportunità fruttuose sono quelle per i titolari di queste cattedre..vero? )

Share

Written by materatown

July 16th, 2010 at 12:12 am

Quel pasticciaccio brutto a Materatown

with 4 comments

All’alba del 2 Luglio, durante la Processione dei Pastori, che per molti materani è il momento più toccante e commovente tra tutte le celebrazioni in onore della SS. Maria della Bruna, è accaduto un fatto increscioso che stranamente gli organi di informazione di Materatown hanno taciuto, nella speranza, forse, di non rovinare il bel clima che solitamente si respira il giorno della festa. Ma noi non potevamo tacere e così ecco a voi i fatti nella loro cruda ed impietosa verità.

Approfittando della confusione che in genere si crea durante la storica Processione, un individuo, non ancora identificato, astutamente e con passo felpato, eludendo i rigidi controlli che mai avevano fallito fino al quel momento e sfruttando biecamente l’atmosfera mistica che pervade molti dei partecipanti alla manifestazione religiosa, si è impossessato del sacro vessillo raffigurante la Vergine e, seppur per solo pochi metri, ne ha assunto il ruolo di ufficiale “accompagnatore”. E’ stato il provvidenziale intervento di una vecchia devota che, accortasi dell’accaduto ha urlato: <<Madonna meee!!! E ci è mo’ cus ‘mbrigghiàn ….>>, è riuscita, pur nel frastuno dei “truni” che in quel momento venivano fatti espodere, ad attrarre l’attenzione di molta gente che prontamente ha tolto dalla mano usurpatrice il quadro sacro riconsegnandolo a chi ne era stato ingiustamente privato. Nonostante ciò, l’oscuro personaggio ha poi fatto perdere le sue tracce dileguandosi tra la folla festante tra gli antichi rioni dei Sassi.

Le indagini sull’ increscioso evento sono subito partite interrogando l’eroica vecchina che ha fornito agli inquirenti un dettagliato identikit dell’ uomo  misterioso aggiungendo che il ricercato “Assìmmjgghiev assaj assaj a u’ Commussorij Montalben “. Nonostante l’aiuto fornito, però, le indagini non hanno portato a nessun risultato evidente fino a quando  la fortuna ha voluto dare un grosso contributo alla sete di giustizia e verità che pervade la cittadinanza tutta, sotto forma di un devoto testimone, presente anch’esso alla Processione, il quale ha fornito, mostrando uno spiccato senso civico,  un preziosissimo indizio sotto forma di fotografia dove è visibile, seppur di spalle, il facinoroso mentre conduce la sacra immagine della Madonna. Materatown.net, grazie alle sue fonti, è oggi in grado di pubblicare in esclusiva tale documento (vedi foto che accompagna il presente articolo) nella speranza che i lettori possano riconoscere l’identità dell’ usurpatore e darne pronta comunicazione alle autorità competenti.

Ad oggi, comunque, per quello che è possibile sapere, visto lo stretto riserbo che accompagna doverosamente le indagini, le attenzioni degli investigatori si stanno tutte concentrando negli ambienti cittadini degli ex-comunisti, che da anni oramai ci hanno abituato a questo tipo di manifestazioni nel tentativo di ottenere sempre più credito verso la popolazione. Questi gruppi hanno, come fine ultimo delle loro provocazioni, un “ricollocamento” nella società civile e pur di raggiungere questo bieco obiettivo hanno condotto negli anni svariate azioni trasformistico-eversive rivalutando concetti un tempo da loro stessi osteggiati quali il libero mercato, le privatizzazioni e la mobilità del lavoro anche se un attacco così violento e duro al cuore della nostra intelligenza, fino all’alba del 2 Luglio, non era mai stato osato da nessuno.

Share

Written by materatown

July 13th, 2010 at 12:08 am

Posted in Materatown

Lassù qualcuno la guarda!

with 2 comments

brunaIl 2 Luglio è una data fatidica per gli stanziali di Materatown, ma, per chi lavora o studia nelle terre nordiche è un giorno come tutti gli altri o quasi…Dico “quasi” in quanto gli echi dei festeggiamenti arrivano anche nelle lande padane a chilometri di distanza grazie ai contatti che, con l’avvicinarsi della festività, aumentano in modo esponeziale tra il fuorisede e i suoi conoscenti stanziali. La visione però che il fuorisede ha del 2 Luglio cambia in relazione della tipologia di stanziale con cui, di volta in volta, si confronta:

Stanziale abitudinario: Lo stanziale abitudinario è colui che vive la Festa della Bruna con sommo fastidio in quanto gli stravolge in maniera intollerabile quelle che sono le sue abitudini. Si lamenta quindi del traffico insostenibile con relativa difficoltà nello sbrigare commissioni di vario genere e della enorme mole di gente che si riversa in centro dove lui è abituato solitamente a passeggiare in tutta comodità. Quello che, però, più di ogni altra cosa lo fa andare letteralmente su tutte le furie, è il fatto che in Stazione, dove di solito lui parcheggia l’auto, abbiano impiantato un tiro a segno con fucili ad aria compressa con annesso furgoncino per la vendita di pop-corn e panini con la porchetta!

Stanziale tradizionalista: Questa tipologia di stanziale la possiamo definire quella del “duro e puro”. Costui in genere ti tiene 3 ore al telefono in quanto ti deve raccontare, nei minimi particolari, tutta la genesi della festività tirando in ballo gli antichi romani e le invasioni saracene che dovrebbero essere all’origine del 2 Luglio materano. Lo si riconosce facilmente anche perchè non manca mai di ricordare al suo interlocutore che la vera festa è quella che si svolge all’alba, durante la processione dei Pastori, tenendo a tal proposito una vera e propria conferenza sulle origini contadine di tale manifestazione che poi è l’unica nella quale lo stanziale tradizionalista si riconosce in pieno.

Stanziale critico: Questo genere di stanziale scaglia le sue critiche solitamente contro due elementi fondamentali della festa: il Carro e le Luminarie. A lui non vanno mai bene e non riscontrano mai la sua approvazione. Ti dirà sempre che nulla è cambiato rispetto all’anno passato e che la festa è sempre la stessa. Ne ho sentito uno qualche giorno fa che, testualmente, mi ha detto a proposito del Carro di quest’anno:<<E’ semb u’ stess! Hanno spostato solamente qualche angioletto da destra a sinistra!>>

Stanziale invidioso: Gli appartenenti a questa categoria hanno un vero e proprio complesso di inferiorità nei confronti di quello che, ai loro occhi, è il principale nemico della festività del 2 Luglio e cioè Il Palio di Siena, che il caso ha voluto cadesse nello stesso giorno della Festa della Bruna. Lo stanziale invidioso non sopporta che, nel mondo, la festa medioevale toscana riscuota oggettivamente più successo. Guai a provare a farlo ragionare dicendogli che forse il Palio è più famoso in quanto semplicemente più bello perchè, irritato, vi risponderà: <<Ma vuoi mettere 4 cavalli che corrono per pochi secondi intorno ad una Piazza con i “nostri” cavalieri, il carro e lo strazzo in centro?>>. Per avvalorare la sua tesi, comunque, il personaggio appena descritto, ha sempre un asso nella manica e cioè vi racconterà di una fantomatica moglie nordica di un fantomatico cugino che dopo aver visto la Festa della Bruna si domanda sempre perchè un evento così strabiliante non venga pubblicizzato a livello planetario!

Stanziale fuochista: Costui è un soggetto al limite del piromane. Ti sa dire tutto sui fuochi pirotecnici che chiudono la festa. Ha una cultura enciclopedica sulla miscela chimica che compone la polvere pirica, sulle varie tecniche ed innovazioni tecnologiche di scoppio che sono alla base delle esplosioni del 2 luglio. E’ capace di tenerti ore sui colori e sull’altezza raggiunta da questi razzi luminosi e sul loro effetto scenografico. Quello che però ci tiene più di ogni altra cosa a comunicare è la durata dell’evento. Infatti lo stanziale fuochista non manca mai di dirti:<<Uagliò, ogni volta che sembrava dovessero finire, riprendevano un’altra volta!>>

Stanziale snob: Questo stanziale diserta completamente la festa. Crede infatti, snobbandola, di acquisire uno status da intellettuale che negli altri 364 giorni dell’anno non riesce ad avere e trova nell’assentarsi il 2 Luglio un modo per distinguersi dalla maggioranza. Per tale motivo ci tiene a precisare che lui, il giorno della Festa della Bruna, è andato al mare a Metaponto oppure che ha preferito leggere un libro che poi è l’unico che legge durante tutto l’anno. A questa categoria aggiungerei anche coloro che non mancano di far sentire la loro voce animal-ambientalista a sostegno del delicato equilibrio della Murgia Materana e del suo habitat, messo a rischio dai fuochi pirotecnici, neanche fossero le isole Galapagos!

Permettetemi prima di concludere di ricordare un ultimo genere di stanziale con cui il fuorisede deve fare i conti durante i giorni che precedono il 2 Luglio :

La madre stanziale: La madre stanziale del figlio fuorisede già dall’ultima settimana di Giugno, inizia a chiamare il suo pargolo nordico ricordandogli che è buona norma il giorno del 2 Luglio chiamare tutti quei parenti che il destino ha voluto portassero lo stesso nome, varianti comprese, della Madonna. Il dialogo è più meno questo:

Madre stanziale:<<Mi raccomando ricordati il 2 Luglio di chiamare la Zia Bruna e Brunella “dello Zio Narduccio”! E chiama anche Brunilde la moglie di Franco e non ti dimenticare di fare gli auguri anche alla figlia di tua cugina Rosa!>>

Figlio Nordico: <<Mamma, ma la figlia di Rosa ha 8 mesi e poi si chiama Mariabruna>>

Madre stanziale: <<E che vuol dire che ha 8 mesi? Tu gli auguri li fai ai genitori! E poi si chiama Mariabruna perchè Rosa non voleva chiamarla Bruna come la suocera ed allora l’ha chiamata Mariabruna, ma è comunque “Bruna”! E  non fare come l’anno scorso che hai chiamato tutti alle 7 e mezzo di mattina, che la “gente” dorme a quell’ora!>>

Figlio Nordico: <<Eh vabbè mamma, ma io dopo vado a lavorare, qui non è festa il 2 Luglio!>>

Madre stanziale: <<E lo so! Ma se scendevi a Materatown….>>

Share

Written by materatown

July 5th, 2010 at 12:47 am

Posted in Materatown