Il sito dei fuorisede di Matera

Archive for November, 2011

Materatown interroga…i “giovani” del PD rispondono!

with 42 comments

Notizie su tumultuose polemiche all’interno del Partito Democratico giungono fin qui nel freddo e profondo Nord. I giornali locali sono oramai densi di articoli riguardanti scandali, intercettazioni, raccomandazioni, fenomeni di nepotismo che coinvolgono a vari livelli il partito di maggioranza a Materatown ed in Regione. Naturalmente i diretti interessati e soprattutto i vertici di partito, formati da politici di lunga data e navigati, cercano di minimizzare, rispondendo alle accuse negando e accusando a loro volta chi osa pubblicare certe notizie, e questo non deve meravigliare. Sono, come dicevamo, politici esperti e sanno benissimo come comportarsi quando ci si trova di fronte a certe situazioni. Quello che, al contrario, mi ha meravigliato è stata la reazione, o per meglio dire, la non-reazione dei cosiddetti “giovani” del PD che, come tutti i “giovani”, per natura dovrebbero essere puri, idealisti, sognatori e soprattutto lontani anni-luce da certe logiche clientelari di bassa politica.

Mi sono domandato come mai questa futura classe dirigente di Materatown tace, non prende posizione, non si arrabbia. Eppure, se uno si prende la briga di leggere le loro pagine di facebook, nota che hanno passato, giustamente, mesi e mesi a scrivere contro certa politica affaristica del governo di Berlusconi e l’utilizzo privato che è stato fatto della “res publica”. Le loro “bacheche virtuali” sono state tutte i giorni megafoni di indignazione quasi sempre accompagnate da immagini di proteste di piazza. Scrivono di ascoltare Guccini, adorare Travaglio, non si perdono una puntata di Santoro e non c’ è stato anno in cui non è spuntata, in occasione dell’anniversario della morte, la foto di Enrico Berlinguer padre della questione morale negli anni 70/80. Qualcuno più temerario si è addirittura spinto oltre, citando frasi prese dai diari di Che Guevara. Ed allora? Ce ne fosse stato uno di questi “compagnucci in erba” che abbia però chiesto un “passo indietro” agli indagati del loro partito, che abbia scritto che certi comportamenti vanno censurati “senza se e senza ma” o che abbia richiesto un rinnovamento del PD di Materatown con un “se non ora quando?

Poichè non posso pensare che queste espressioni (ndr: prima o poi comunque qualcuno si deciderà a metterle fuorilegge per vilipendio alla lingua italiana!) vengano usate a senso unico, allora mi sono chiesto se lo strano silenzio dei “giovani” stanziali del PD  non fosse dovuto ad impreparazione politica o più semplicemente a distrazione. In fondo chi di noi  a 17/18 anni, piuttosto che stare chino sui libri, non ha preferito andarsene in giro con gli amici o al cinema con la fidanzata? E così, per togliermi questo dubbio, ho deciso di “smettere” i panni da scribacchino fuorisede per indossare quelli formali e seriosi da professore, interrogando il Segretario dei “giovani” PD di Materatown, Federica Porcari, ponendole alcune domande, per saggiare la preparazione sua e dei suoi coetanei di partito. Perciò adesso fate silenzio,voi che leggete, perchè l’ interrogazione sta per cominciare e non suggerite nè parlate tra di voi, altrimenti vi “metto una nota”:

Bene Sig.na Porcari, stia calma, non si agiti, perché se ha studiato non ha nulla da temere. Prima di cominciare con l’interrogazione, chiariamoci su un punto. Io, per amor di lingua italiana, non amo i termini Sindachessa, Direttora, Assessora e via dicendo. Perciò la chiamerò Segretario o, se crede, semplicemente Signorina. Decida Lei!

Le lascerò libertà di scelta. Di solito, a Materatown, come ben sa, siamo particolarmente democratici; ci limitiamo ad un generico “Segretà”: nessuna discriminazione, tutti contenti. Comunque anche Signorina va bene!

 

Prima domanda: << Il rinvio a giudizio è  un elemento di garanzia a tutela dell’indagato e non di condanna per cui non vedo alcuna ragione che dovrebbe spingere XXXX  a lasciare il proprio incarico!>>

Signorina Porcari, questa dichiarazione è stata fatta dall’ex-ministro Bondi in difesa di Berlusconi per il caso Ruby o da Vito Lupo, presidente della commissione provinciale di Garanzia del PD, in difesa di Roberto Cifarelli Capo di Gabinetto del Comune di Materatown?

Buona la seconda. La questione è ampia ma, personalmente, ho le idee ben chiare; quando il proprio coinvolgimento in questioni giudiziarie può andare a ledere il buon nome del partito, bisogna avere il coraggio di fare un passo indietro, guardando al di là del proprio “orticello” e salvaguardando l’interesse comune, non quello personale. E’ roba d’altri tempi, questa, che non va più di moda; certo, è un atto coraggioso, soprattutto quando si ha la certezza della propria estraneità, ma bisogna metterlo in conto, fa parte delle regole del gioco.

 

Sappia che se ripete l’ espressione “un passo indietro” domani le chiederò di farsi accompagnare dai genitori. Seconda domanda: <<E’ una accusa ridicola. Va bene che c’è l’antipolitica ma quello riportato dal giornale è macelleria! Se faccio politica non dovrei lavorare? >>

Chi ha rilasciato la seguente dichiarazione contro un quotidiano? Geronimo La Russa, figlio del ministro Ignazio, dopo che era stata pubblica la notizia della sua assunzione all’ ACI o Giovanni Casaletto ex-segretario dei Giovani democratici contro “Il Quotidiano di Basilicata” dopo aver vinto un concorso all’Università di Basilicata, notizia peraltro anticipata con giorni d’anticipo rispetto ai risultati ufficiali dal direttore Leporace?

Professor Materatown, Lei tocca un tasto dolente, una questione che mi sta particolarmente a cuore, innanzitutto per il rapporto  che mi lega a Giovanni Casaletto, ottimo segretario e persona degna di profonda stima. A riguardo, le inesattezze sono state tante: il Quotidiano ha dimostrato una superficialità che si è concretizzata in giudizi frettolosi e approssimativi che, sinceramente, mi hanno stupita. L’anticipazione delle notizia, da parte del giornale, si basa su fonti anonime, che mal si conciliano con una reale, o presunta, deontologia giornalistica. Se arriva in redazione una lettera sibillina che profetizza il nome di un vincitore di borsa tra sette candidati, è davvero ridicolo gridare allo scandalo.  Di lungimirante c’è ben poco in scommesse dall’esito statistico facilmente deducibile, soprattutto nel caso in cui ogni giudizio può esser influenzato da un’appartenenza politica, da sempre ritenuta chiave d’accesso in un Paese (e, in particolare, in un Meridione) dominato dal clientelismo. Delle volte, però, c’è chi ha il coraggio di andare avanti facendo affidamento sulle proprie capacità. E’ il caso di Giovanni Casaletto, è il caso di quanti camminano con schiena dritta e testa alta.

 

Terza domanda: <<Ciò che mi ha aiutato non è la familiarità. Non sono stato votato perchè parente di… ma perchè ne ho condiviso una posizione, una scommessa. Non è stata un’investitura la mia, è stato semplicemente disegnato un profilo. E’ bene che le persone vengano giudicate per ciò che fanno. Io sono sereno su queste cose ma non vorrei che poi diventassero dei limiti>>.

Per favore, lettori, capisco che non è facile ma non ridete! Torniamo a Lei Sig.na Porcari: Chi si è giustificato così parlando della sua elezione in Consiglio regionale? Renzo Bossi della Lega detto il “trota” a chi lo accusava di essere stato eletto grazie al fatto di essere il figlio del più famoso Umberto, o Luca Braia del PD cognato della Senatrice Antezza anch’essa del PD ?

Il consigliere Luca Braia deve la propria elezione esclusivamente al voto di quanti hanno deciso di dargli fiducia, condividendone il programma elettorale. E’ inutile negare che risulta molto più semplice entrare all’interno di dinamiche partitiche quando si conosce qualcuno che, in quel contesto, vive da tempo; oggettivamente, non c’è nulla di male. Che il “bacino elettorale” sia comune? Probabile. Ma ciò prescinde da qualsiasi familiarità; è, piuttosto, da ricondursi all’esistenza delle “camarille” di partito che, decenni fa, denunciava Berlinguer nell’intervista di Eugenio Scalfari. E’ un problema che ha radici profonde, che potrà esser estirpato soltanto quando, alle spinte intestine, provenienti dai partiti, si affiancherà una reale presa di coscienza degli elettori che, al momento del voto, dovranno rivendicare con forza la propria libertà di scelta, senza fomentare un meccanismo perverso che si nutre della superficialità di coloro che vendono i propri voti, vendono la propria libertà in cambio di compromessi più o meno leciti.

 

Quarta domanda: <<Io non assecondo i cicli mestruali di XXXX e YYYY!>>

Chi è l’autore di siffatta elegante affermazione. L’ex ministro Brunetta (PdL) rivolgendosi a due precari che gli ponevano alcune obiezioni o il Presidente del Consiglio di Basilicata Vincenzo Folino rispondendo a due giornalisti che lo avevano criticato in un articolo di un giornale?

Un consiglio al Presidente Folino: i cicli mestruali del direttore Leporace & C sono cosa trascurabile. Da studentessa liceale, gli proporrò di fare un giro per i corridoi del mio istituto; si renderà conto che i cicli mestruali da temere sono ben altri.

 

Ultima domanda di cultura generale:  Io ho passato i 40 anni. Alla sua età quelli della mia generazione erano o comunisti o fascisti. Poi, crescendo, molti di noi sono diventati Democristiani. Voi giovani del PD, invece, avete bruciato le tappe e lo siete già a 18 anni. Mi spiega come ci siete riusciti?

Le “speculazioni democristiane”, non a caso, le lasciamo ai quarantenni nostalgici, se non altro, per una questione anagrafica: sa bene , che le vicissitudini della Prima Repubblica sono inserite nel mio libro di storia, professor Materatown. Essere tesserati alla giovanile del PD significa, innanzitutto, essere animati da quella voglia utopistica di “cambiare il mondo”, tipica della nostra età; credo sia un binomio imprescindibile: non si può esser giovani e non sognare, il futuro appartiene a chi ha il coraggio di osare, di mettersi in gioco. Il nostro compito non è -né sarà mai – quello di dover giustificare quanto accade ai “piani alti”: abbiamo una nostra identità ben definita e non potrei mai pensare di dover rinunciare al mio spirito critico in nome di un presunto corporativismo; d’altronde, ci è sempre stata data la libertà di esprimerci secondo le nostre regole. Nessun “cagnolino da riporto” del partito; la Giovanile del PD amo concepirla, piuttosto, come “spina nel fianco”. Ma c’è bisogno che ci credano in tanti, c’è bisogno di una partecipazione reale e consapevole.

 

Bene Signorina Porcari l’interrogazione è finita ed adesso può tornare al suo posto. Il voto glielo daranno i lettori e comunque sappia che ho apprezzato il fatto che si è presentata e che soprattutto non ha fatto scena muta!

Forse Lei professor Materatown non mi conosce bene altrimenti saprebbe che non è nel mio stile non presentarmi o fare scena muta. Se deciderà comunque di avere un occhio di riguardo, per la sua prossima discesa materana, le farò trovare, preparati da mia madre, una vaschetta di peperoni “ammollicati” che, da quello che leggo, è una sua vera passione!

 

Share

Written by materatown

November 29th, 2011 at 12:01 am

Strazio 2019 – V puntata

with 2 comments

Riassunto delle puntata precedenti: Il comandante Addux, su ordine dell’ Imperatore Vito Von Filipperburg I detto “Il Filosofo”, organizza una spedizione punitiva denominata STRAZIO 2019 alla volta del pianeta Materonia in rivolta per la disoccupazione dilagante. I viaggiatori, dopo non poche peripezie tra cui un malore del Dott. Tortormann dovuto ad una crisi sinergica e miracolosamnete salvato dal fedele cagnolino Gravelino, giungono a Barius. Qui, purtroppo, realizzano che di domenica nessuna navicella è disponibile per portarli a Materonia e così chiedono soccorso alla famosa spia Little Angel della antica stirpe dei metà uomini e metà camaleonti che, insieme alla moglie, giunge a Barius per accompagnare i nostri eroi a Materonia, dove finalmente atterrano poco tempo dopo. Parcheggiata la navicella Cozzar I di Little Angel nella piazza della Cattedrale, figure inquietanti si fanno loro incontro a cavallo e, dopo alcuni secondi, realizzano che si tratta del famigerato Feldmaresciallo Franz Pepper Generale del Corpo dei Pretoriani di Materonia.

QUINTA PUNTATA: <<Salve forestieri, sono Franz Pepper e questi sono i miei pretoriani! >> si presenta con tono deciso e militaresco il Generale in sella al suo cavallo Guzzian, per poi proseguire << voi lo sapete che qui nella Piazza della Cattedrale non si può parcheggiare o, per meglio dire, può parcheggiare solamente chi decido io?>>

<<Signor Generale, mi chiamo Addux e sono il Comandante della spedizione STRAZIO 2019 e quello che vede alle mie spalle è il mio equipaggio. Siamo a Materonia per conto dell’Imperatore Vito Von Filipperburg I con l’ordine categorico di rincoglionire i materoniani che hanno osato ribellarsi!>> risponde Addux

<<Io me ne frego Comandante! Qui a Materonia cosa è giusto o sbagliato lo decido io! Io sono un uomo tutto di un pezzo che “non deve chiedere mai”, o per essere precisi, se chiedo mi deve essere dato e, se questo non avviene, allora non ho alcuna esitazione ad estrarre dalla fondina la mia pistola Querel calibro 100.000 ed a colpire il nemico con un raggio “querelante” togliendogli anche le mutande! Io ho potere su tutto e tutti qui a Materonia e, se non ci crede, adesso glielo dimostro!>> ribatte irritato il Feldmaresciallo Pepper  e poi, rivolgendosi ad un pretoriano alle sue spalle, ordina: <<Tu pretoriano, adesso inizia a cantare su una una gamba sola!>>

Franz Pepper non finisce neanche di parlare che immediatamente il pretoriano alle sue spalle con un balzo scende dal suo Guzzian e saltellando su una gamba inizia a cantare: <<Cè bell capudd ca ten’ la zappatoraaaa!!!…quande sò bell u capudd alla zappatoraaa!!!>> e subito gli altri pretoriani seguono in coro con un : <<quandê iè bona la zappatoraaaa!!!>>

Esterrefatto da cotanta obbedienza Addux prova a convincere il Feldmaresciallo: <<Generale, capisco perfettamente le sue ragioni, ma noi non sapevamo che non si poteva parcheggiare qui sulla Cattedrale di Materonia. L’ultima volta che sono venuto per combattere contro l’allora Podestà Bucciobelix ho lasciato qui la navicella e nessuno mi ha detto niente!>>

<<BUCCIOBELIX!!!!>> urla Franz Pepper mentre il suo fido Guzzian si imbizzarrisce nitrendo come un forsennato <<Non nomini quel marrano in mia presenza!>> e mentre sta per estrarre dalla cintura la sua fedele “Querel calibro 100.000″ ha un attimo di esitazione e riacquistando la calma continua: <<Però…aspetti un attimo Comandante, Lei mi vuol fare intendere che è stato un nemico di quel personaggio di cui non oso neanche ripetere il nome? >>

<<Certo Generale! L’ho combattutto con tutte le mie forze!>> ribadisce Addux avendo capito di aver trovato un ottimo argomento per farsi ben volere da Franz Pepper

<<Ohhh…ma allora qui tutto cambia! Lei può parcheggiare dove e quando vuole in tutta Materonia>> con tono amichevole afferma il Feldmaresciallo e poi guardando i suoi pretoriani ordina <<e voi butroni non statevene lì con le mani in mano e date il benvenuto al Comandante Addux ed al suo equipaggio! Anzi lavategli la navicella! Deve diventare lucida come un TV al plasma!>>

Tornato un clima pacifico e disteso, gli altri membri dell’equipaggio che fino ad allora non avevano proferito verbo, riprendono coraggio ed il primo a prendere la parola è il Dott. Tortormann, mentre Gravelino, vinta la paura, rispunta da sotto la Cozzar I dove si era rifugiato tutto tremante: <<Feldmaresciallo Pepper, sono contento che Lei ed il Comandante abbiate trovato una sinergica convergenza!>>

Poi ad uno ad uno seguono gli ossequi di tutti gli altri membri della Synergic I:

<<Non mancherò di rimarcare la sua gentilezza ed ospitalità a mia cognata la Senatrice Antezzonia! Se un giorno desiderasse un posto in Consiglio a Materonia mia cognata glielo darà sicuramente! >> interviene Luc Braian

<<Io le posso dire che mai parola positiva uscì dalla mia penna nei confronti del vecchio Podestà Bucciobelix!>> ossequioso afferma Paul Emily Olivosky

<<BUCCIOBELIX!!!! NON NOMINI MAI QUEL NOME! CAPITOOO! >> urla nuovamente Franz Pepper con la “Querel calibro 100.000″ in pugno mentre il destriero Guzzian inizia a scalciare violentemente contro il povero Olivosky che, evitato per un soffio il calcione dell’equino, immediatamente si scusa: <<Mi perdoni Generale non mi “querelizzi”…quel nome non lo sentirà più uscire dalla mia bocca!>>

<<Io la ringrazio Feldmaresciallo, e se Lei decidesse di unirsi a noi della Galassia dei Valori, stia tranquillo che un posto lo troviamo. Le nostre porte sono sempre aperte quando si tratta di reclutare tra le nostre fila gente come lei. Ne cerchiamo in continuazione!>>promette la dott.ssa Massenz salvando il povero Olivosky da “querelizzazione” sicura

<<Mi permetta una doppia citazione di sinistra: come cantava Gatto Panceri “Trovo molto sexy gli uomini come lei così puri e seri!” e come aggiunse il grande Filipponio: “Uomini così fan venire a noi donne strane voglie di matrimonio! >> incensa la Dott.ssa Guarins

<<La mia abbazia dei SS. Aldo e Moro sarà sempre a sua disposizione. Lì insieme a tutta la sua famiglia si potrà sentire come a casa sua! Potrà disporne come meglio crede!>> ringrazia Padre Serafino da Cascino

<<Io per Lei Feldmaresciallo non ci penserei due volte a trasformarmi in un pretoriano e farle da informatore!>> si propone Little Angel per voce della moglie

<<Io vi ringrazio di cuore cari amici della Synergic I e state pur certi che le vostre promesse io non le dimenticherò! >> ricambia Franz Pepper 

Il Tenente Cifarock a questo punto però interviene risoluto: <<Ragazzi, adesso basta, salutiamo il Feldmaresciallo e Little Angel per la loro squisita cortesia  ma adesso dobbiamo proprio andare perchè lo STRAZIO 2019 non può aspettare oltre! Mettiamoci in movimento e corriamo ad insediarci nel GCRM il Gran Consiglio di Rincoglionimento di Materonia! >>

Ed è così che i nostri eroi si incamminano sotto l’arco della Cattedrale con in testa il Comandante Addux seguito da Muscarix e Cifarock e con il fido Gravelino scodinzolante che chiude la fila mentre gli altri cantano in coro: <<ANDIAM! ANDIAM! ANDIAMO A STRAZIAR!>>.

Dopo circa un’ ora di cammino un boato fortissimo scuote l’ intera Materonia facendo tremare la terra sotto i piedi di Addux e compagni che si bloccano ed iniziano terrorizzati a guardarsi intorno. Poi il rumore, come d’ incanto, scompare lasciando il posto ad un silenzio ancor più inquietante. Passano poche frazioni di secondo  e la terra riprende  a tremare ancor più violentemente con un fragore assordante accompagnato da un odore nauseabondo che stordisce i nostri eroi i quali non  fanno neanche in tempo a rendersi conto di ciò che sta accadendo che una massa informe, una valanga di immondizia e rifiuti dalle dimensioni bibliche li investe inghiottendoli con l’eccezione di Gravelino che, come tutti i quadrupedi, avendo fiutato con leggero anticipo il pericolo, con un balzo canino riesce ad evitare la marea di “monnezza”.

A pochi metri dal luogo del disatro, nel frattempo, due eccellenze di Materonia sono alle prese con le loro quotidiane attività: Il primo è il luminare della medicina di Lucanida il Prof. Vitus “Magno Magno” Gaudio che, con in mano una calcolatrice, è intento ad autoquantificarsi l’ aumento del suo emolumento: <<Allora se prendo il mio stipendio netto, lo moltiplico per l’indice ISTAT, lo sommo alla media gaussiana dell’inflazione, poi ci aggiungo la radice quadrata del logaritmo dei ticket, lo elevo al valore massimo dello spread con i bund tedeschi et…ualà, l’aumento è bello che giustificato!>>;

il secondo, seduto su una panchina che canta a squarciagola “Contessa” di Pietrangeli strimpellando una chitarra, è il famoso Pio Vinegar, noto esperto in catastrofi naturali e per questo tenuto a debita distanza dai suoi concittadini che non esitano a toccarsi le parti basse quando hanno la sventura di incontrarlo. Pio Vinegar era salito agli onori della cronaca materanoniana per un esperimento scientifico all’ avanguardia nel lontano 1968 anno in cui venne ibernato per poi essere scongelato solamente nel 2011 senza apparenti conseguenze a parte la strana abitudine di indossare un vecchio eskimo sopra pantaloni a zampa di elefante. 

Entrambi i personaggi comunque, accortisi di quanto accaduto, immediatamente accorrono sul luogo del disastro e, con l’aiuto di Gravelino, iniziano a scavare tra l’immondizia cercando di salvare l’equipaggio della Synergic I.

<<Mi sa che con questo lavoro straordinario dovrò ricalcolarmi l’aumento del mio stipendio aggiungendo la voce “indennità di scavo”!>> pensa il Prof . Vito “Magno Magno” Gaudio mentre chino rovista tra bucce di banana e copertoni. Poi notando che l’altro soccoritore, Pio Vinegar, utilizza un cucchiaino da caffè per spostare la melma puzzolente, sbotta: <<Ehi Pio Vinegar, a parte il fatto che ovunque c’è un cataclisma, guarda caso tu sei sempre presente, così facciamo notte se continui a scavare in quel modo!>>

<<Compagno Vito “Magno Magno” Gaudio, qui ci sono fior di pantegane, scarrafoni, blatte e tanti altri simpatici animaletti che vanno rispettati e non ho alcune intenzione di violare il loro eco-sistema, anzi devo assolutamente rispettare il loro habitat naturale! >> spiega Pio Vinegar

<<Giusto Vinegar, allora adesso mi incremento lo stipendio con un bonus speciale legato alla salvaguardia dell’ambiente! >> non si lascia sfuggire l’occasione “Magno Magno” Gaudio

<<OHHH, qui vedo un paio di ray-ban! Classico simbolo fascista nonchè di imperialismo americano!>> all’improvviso esclama Vinegar che, però, non termina neanche la frase che subito emerge tra un’ anguria marcia e una batteria scarica il Tenente Muscarix.

Come se si fossero dati un segnale prestabilito tutti i membri della Synergic I, uno dopo l’altro iniziano ad uscire da quel magma nauseabondo. Così nel giro di pochi minuti escono fuori Cifarock, Olivosky, Guarins, Massenz, Tortormann, Luc Braian, Padre Serafino da Cascino, e come ogni buon comandante che si rispetti, Addux è l’ultimo ad abbandonare l’immondizia da cui era stato ricoperto. Appena fuori, ancora un po’ stordito, domanda: <<Ma…ma cosa è successo? >>

<<Comandante, siamo a Materonia!>> risponde Cifarock

<<E con questo Tenente? Lo so anch’io che siamo a Materonia!>> afferma stizzito Addux

<<Materonia oltre che per i suoi Sassi, per il pane, per l’Unesco…>> prova a spiegare Cifarock subito interrotto da Addux: <<Si Si vabbè…Tenente! Lasci perdere queste cazzabubbole da materoniano medio e vada al sodo!>> 

<<Ehmmm… dicevo>> continua Cifarock <<Materonia è famosa per le sue enormi montagne di immondizia che la rendono, dopo Napolianis, l’unico pianeta con questa straordinaria caratteristica! Pensi comandante che l’ultimo netturbino qui è stato visto 2000 anni-luce fa! Purtroppo ogni tanto queste montagne di rifiuti che crescono ogni giorno a vista d’occhio, vengono giù sotto forma di slavine e smottamenti e quella da cui siamo stati colpiti era proprio una di queste! >>

<<Per mille gallassie! Non lo sapevo!>> commenta stupito Addux

<<Alcune volte manca un po’ di informazione sinergica!>> puntualizza Tortormann con in testa una buccia annerita di banana

<<Come cantava Carmelo Zappulla “di questa meraviglia io non ne sapevo nulla!>> scrive su facebook la Guarins con una lisca di pesce tra i capelli

<<Mettiamo subito  le cose in chiaro! La Galassia dei Valori ritiene corretto a seguito di questa esperienza chiedere l’ istituzione a Materonia di una Comunità Montana di Rifiuti di cui ovviamente vorrei la Presidenza!>> precisa la Dott.ssa Massenz mentre si scrolla dalla tuta spaziale un pannolino usato del 1954

<<Vabbè miei prodi! Non perdiamo ulteriormente tempo perchè il Gran Consiglio per il Rincoglionimento di Materonia ci aspetta!>> richiama all’ordine Addux e poi rivolgendosi al Prof. Vito “Magno Magno” Gaudio ed a Pio Vinegar<<ma prima ringraziamo i nostri due salvatori!>>

<<Comandante è stato un piacere! Anzi se ha bisogno, per un modico aumento del mio stipendio giustificabile come “indennità di Straziamento” posso portarvi io fino al Gran Consiglio!>> si propone Magno Magno Gaudio

<<Compagne e Compagni Hasta lo Straziamento Siempre!>> saluta invece con il pugno chiuso Pio Vinegar prima di allontarsi in cerca di qualche altra sciagura

Passati indenni da quest’altra disavventura finalmente l’ equipaggio della Synergic I si rimette in cammino fino a  quando giunge nel Palazzo del Gran Consiglio per il Ricoglionimento di Materonia dove ad attenderli c’è tutta l’intellighentsia materoniana. Appena entrati nel Salone delle riunioni i nostri eroi, dopo un attimo di esitazione da parte dei presenti dovuto al tanfo derivante dal tragico evento da cui si erano salvati per miracolo, vengono accolti da un lungo e fragoroso applauso a cui pone fine Addux con un cenno della mano. Sistematosi poi nello scranno più alto della sala del Gran Consiglio di Rincoglionimento, in un silenzio assoluto, il  Comandante inizia il suo discorso:

<<Cari consiglieri di Materonia…>>

Fine V puntata

 

Share

Written by materatown

November 20th, 2011 at 11:42 pm

81 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

with 4 comments

Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigando freneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura:

DA IL POMERIDIANO DEL 31/10/2011

MATERA CAPUTO TRANSITA NELL’UDC

“Già da tempo ho condiviso insieme all’UDC la scelta del centrosinistra a sostegno dell’amministrazione guidata da Salvatore Adduce e pertanto la formalizzazione del passaggio rappresenta un atto dovuto di chiarezza, anche in considerazione del dissolvimento della breve e deludente esperienza civica legata alla passata campagna elettorale”

(La Carlucci “de’ noialtri” ! )

 

DA FACEBOOK DEL 26/10/2011

PROPOSTA DI GEMELAGGIO MATERA-CAPPADOCIA

Mercoledì 26 Ottobre Emine Türk, direttrice dell’Unione di Amicizia Italia-Turchia era a Matera per proporre ai vertici dell’amministrazione comunale il gemellaggio con Göreme (Cappadocia).

(Mamma li’ Turchi! )

 

DA BASILICATANET.IT del 9/11/2011

PROGETTO DIETA MEDITERRANEA SOFIA

“L’esperienza e il lavoro di ricerca sulla “Dieta mediterranea“ portato avanti dalla Camera di commercio di Matera costituiranno una delle attrattive del “Laboratorio del Gusto Italiano” in programma dal 9 al 12 novembre 2011 a Sofia ( Bulgaria) presso l’Inter Expo Center. Toccherà al presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli, illustrare la validità della ” Dieta mediterranea” come stile di vita. <<Per Matera>> ha detto Tortorelli  <<la Fiera Interfood & Drink di Sofia è una tappa importante per promuovere le bontà della dieta mediterranea, riconosciuta dall’Unesco come bene della cultura immateriale da tutelare e valorizzare!>>

(Mamma li’ Bulgari! )

 

DA FACEBOOK DEL 28/10/2011

COMUNICATO STAMPA ANGELO COTUGNO: DIMISSIONI DI PEPE

“Le dimissioni del compagno Pepe dalla carica di segretario generale della Cgil di Basilicata mi ha trasmesso un senso di sgomento e tristezza!”

(Mannaggia alle omonimie! Per un attimo leggendo il titolo mi ero illuso!)

 

DA TRMTV.IT del 1/11/2011

RESTAINO: INCONTRO PER ANALIZZARE LA SITUAZIONE DEL COMPARTO ROTABILE

L’assessore alle attività produttive della Regione Basilicata, Erminio Restaino, ha convocato per lunedì 7 novembre prossimo alle 9:30, un tavolo unico per un’analisi della situazione in cui verte il comparto rotabile lucano

(L’assessore ha precisato che durante la riunione si comunicherà solo tramite pizzini!)

 

DA TRMTV.IT del 3/11/2011

MARIOLINA VENEZIA PRESENTERA’ A MATERA IL SUO ULTIMO LIBRO

La scrittrice Mariolina Venezia presenterà anche a Matera, sua città natale, il suo ultimo libro, intitolato “Da dove viene il vento”, pubblicato da Einaudi.

(A Natale sta diventando più puntuale di Boldi e De Sica! )

 

DA IL RESTO del 5/11/2011

ACCORDO SIGLATO TRA REGIONE E FERROVIE DELLO STATO

Serve la protezione Civile per le Ferrovie in Basilicata. Previsione e prevenzione dei rischi e delle emergenze in ambito ferroviario: la Protezione Civile della Basilicata e le Ferrovie dello Stato affronteranno insieme le emergenze con modalità d’intervento coordinate.

(Va bene la prevenzione ma se magari prima avessimo la Ferrovia…! )

 

DA SASSILIVE.IT DEL 7/11/2011

A MATERA IL FESTIVAL DELL’ARTE, DELL’ANTROPOLOGIA E DELLE SCIENZE

“Matera e il suo territorio sono caratterizzati, fra altre eccellenze, da una intensa attività progettuale e di ricerca sul patrimonio demoetnoantropologico, da una lunga storia di sperimentazione nell’ambito dell’etnografia visiva, del rapporto arte/antropologia e dalla presenza del Centro di Geodesia Spaziale punto di riferimento mondiale per il telerilevamento e per il supporto fornito alle missioni interplanetarie.

(AVVERTENZA: La lettura di questa notizia è consigliata ad un pubblico di sana e robusta costituzione!)

 

DA SASSILAND del 11/11/2011

“ZIO CIUFFO” HA IMBROGLIATO ALCUNI COMMERCIANTI

Lo sponsor per una fantomatica partita di calcio. Era quello che chiedeva Zio Ciuffo ai commercianti di Matera che in buona fede gli hanno dato dei soldi.

(Mandiamo pure lo Zio Ciuffo in galera…ma per questi commercianti una visita da uno specialista?)

 

DA IL QUOTIDIANO del 12/11/2011

DOSSIERAGGI PERSONALI DENUNCIATI DA DE FILIPPO

«Arrivano centinaia di lettere anonime a mia moglie e a mia suocera!»

(Scrivere a nuora perchè suocera intenda!)

 

DA IL QUOTIDIANO del 12/11/2011

RESTAINO UN CASO POLITICO

Ieri, molti sono stati tra assessori e frequentatori del Palazzo regionale che hanno “battuto il 5″ all’assessore Restaino in segno di stima e solidarietà.

(Uno per tutti…tutti per uno!!)

  

DA IL QUOTIDIANO del 12/11/2011

CERVELLI IN FUGA UN CONFRONTO A TUTTO CAMPO

Le testimonianze dei giovani che hanno deciso di restare e di investire il proprio futuro con quello della nostra terra. Su questi aspetti è incentrato il convegno “ Cervelli in fuga. Sistema formativo e mondo dell’impresa a confronto”. Interverrà Rossella Tosto vicepresidente di Datacontact

(Ma cosa avrà più di me Rossella Tosto che è riuscita a restare a Materatown?)

 

DA IL QUOTIDIANO del 12/11/2011

PANE DI MATERA DI QUALITA’

Il Pane di Matera simbolo di genuinità. Lo sottolinea il presidente del Consorzio Igl Pane di Matera Gianni Schiuma facendo anche riferimento ad un recente servizio di Striscia la Notizia circa l’utilizzo di additivi nel pane. «Noi invece utilizziamo solo i migliori grani duri lucani» specifica Schiuma.

(Quando il pane si fa duro, la semola lucana inizia a giocare!)

 

Share

Written by materatown

November 14th, 2011 at 12:01 am

Strazio 2019 – IV Puntata

with 7 comments

Riassunto delle puntate precedenti: Partiti per sedare una rivolta di disoccupati a Materonia, il Comandante Addux ed il suo equipaggio, dopo un drammatico decollo dalla base spaziale Cape Decaz (nessuno di loro sa come contare alla rovescia), giungono finalmente alla volta del pianeta Barius dove, secondo il programma di viaggio, li attenderà la Littorinik III, una piccola navicella della compagnia Appu-Lucanida, per condurli finalmente a Materonia. Al momento del risveglio, dopo molte ore di viaggio, e, mentre tutti i membri della spedizione punitiva riprendono felicemente conoscenza, il cagnolino Gravelino, mascotte dell’equipaggio, si accorge che il Dott. Tortormann non dà alcun segno di risveglio. Immediatamente scattano i soccorsi con in testa la Dott.ssa Massenz, medico di bordo, che, dopo una attenta diagnosa, sentenzia, tra lo scoramento dei compagni, che la situazione è molto grave.

QUARTA PUNTATA: <<Cosa vuol dire che la “situazione è grave” Dottoressa? >> chiede visibilmente preoccupato il Comandante Addux mentre Gravelino guaisce tristemente tra le sue gambe

<<Ma cosa diavolo avete dato al dott. Tortormann per dormire?>> chiede invece la Massenz rivolgendosi alle hostess Antoinette Ciervau e Mary Pistonia

<<A me ha chiesto il DVD di Frank Von Pedes!>> risponde la splendida Pistonia, <<A me invece ha detto che voleva dare un’ occhiata al libro di Dominique Notarangelesse!>> ribatte la sensuale Ciervau

<<NOOOOOO!!! Ma siete matte?>> si lascia andare la dott.ssa Massenz <<Ora è tutto chiaro Comandante! Il Dott. Tortormann ha ingerito un cocktail devastante! Non esiste cervello al mondo che può tollerare un simile miscuglio di narcolettici! >>

<<Beh ma allora lasciamolo dormire. Prima o poi si sveglierà da solo! >> consiglia il Caporale Luc Braian

Di fronte a questa affermazione la Dott.ssa Massenz sbotta risoluta: <<Non dica cretinate Caporale. Il dott. Tortormann è un soggetto “sinergiaco”. Se passa troppo tempo senza dire la parola “sinergia” o suoi derivati,  può incorrere nel terribile virus dell’ AIDS, l’ Acquired Immune Deficiency Synergic! Perciò bisogna svegliarlo subito, immediatamente!>>

<<Cap d’ Caz!>> si lascia scappare Addux

<<Devo chiamare la base spaziale di Cape Decaz?>> solerte domanda il Sergente Paul Emily Olivosky

<<Sergente, lasci stare e non prenda iniziative se non su mio ordine! La mia era una imprecazione!>> lo gela Addux

<<Mi scusi Comandante. Ogni tanto mi lascio tentare dall’essere intraprendente! Non succederà più!>> si scusa il Sergente

<<Quindi dottoressa Massenz come possiamo procedere?>> riprende il Comandante

<<Ci vuole una sinergico-terapia: mentre si pratica al Dott. Tortormann la respirazione bocca a bocca gli altri devono gridargli all’orecchio SINERGIA con tutto il fiato che hanno in gola e speriamo che questo lo svegli! >> risponde la Massenz  per poi aggiungere: <<c’è un volontario per praticare la respirazione bocca a bocca al dottore?>>

<<Ehm…questa è l’ora delle preghiere e non posso esimermi!>> subito si tira fuori dalla mischia Padre Serafino da Cascino

<<Io l’ho scritto anche su facebook citando Rita Pavone che ho un herpes grande come un pallone! >> si giustifica la Guarins

<<Ho il divieto assoluto dalla Senatrice Antezzonia di baciare alcuno che non sia la sua sorella!>> alzando le spalle spiega il Caporale Luc Baian

<<Io potrei anche farlo ma poi mi si asciuga la lingua e…> segue Olivosky

<<Io devo stare ai comandi della Synergic I>> afferma risoluto il Tenente Cifarock

L’unico che non parla è, come al solito, il Tenente Muscarix il quale, però, alza il braccio sinistro e, ponendo la mano destra sull’avambraccio, non lascia spazio a dubbi su quelle che sono le sue intenzioni! A questo punto, come se si fossero dati un segnale, tutti iniziano a guardare insistentemente Gravelino che, accortosi di essere al centro delle attenzioni dell’ intero equipaggio, intuisce cosa sta per succedergli ed inizia a correre in preda a disperazione per il corridoio della navicella. Immediato scatta da parte dei suoi compagni un brutale inseguimento che si protrae per qualche minuto fino quando Addux, con un balzo felino, riesce a saltare sul quadrupede immobilizzandolo. Pur lottando con tutte le sue forze alla fine Gravelino deve soccombere alla forza bruta del suo padrone che dopo averlo afferrato per le zampine posteriori, di forza lo conduce dinanzi alla bocca semichiusa del Dott. Tortormann costringendolo alla terribile pratica di emergenza sanitaria. Nel frattempo gli altri membri dell’equipaggio, ripresisi dalle contusioni derivanti dalla colluttazione per catturare il povero Gravelino, all’ unisono gridano nell’orecchio di Tortormann la parola magica: SINERGIAAAAA!!

<<Ehhmm… dove sono?… Chi siete voi? >> dice il Dott. Tortormann aprendo lentamente gli occhi e guardando i suoi salvatori tutti chini intorno al suo capezzale

<<Dottore Lei ha corso un grave rischio. Era in piena crisi di astinenza sinergica, ma per fortuna siamo arrivati in tempo!>> lo informa la dott.ssa Massenz

<<Ah sì ora ricordo! Sono sulla Synergic I e stiamo tutti andando insieme sinergicamente a Materonia per sganciare lo STRAZIO 2019. Vi ringrazio tutti per l’aiuto sinergico! Che la sinergia vi accompagni!>> ringrazia Tortormann

<<Ecco il Dott. Tortormann è proprio guarito! Tutto è bene quel che finisce bene! Adesso prepariamoci ad atterrare a Barius. Materonia ci aspetta!>> interviene deciso Addux per poi donare un biscottino  al fedele Gravelino come parziale risarcimento per il suo sacrifico

Atterrati senza troppi problemi a Barius, dopo essersi sgranchiti braccia e gambe, i nostri eroi si dirigono a piedi alla Stazione Spaziale della Appu-Lucanida ma, arrivati davanti al Gate per Materonia, rimangono tutti allibiti nel vedere che l’ingresso è sbarrato da un cancello.

<<Cap’ d’ cazz!! E adesso cosa è questa novità?>> si domanda accigliato Addux per poi precisare: <<Sergente Olivonsky, prima che Lei parli, le confermo che questa era ancora un’ imprecazione!>>

<<Questa volta l’avevo capito Comandante>> risponde orgoglioso il Sergente per poi aggiungere <<Ma ha fatto bene comunque a dirmelo. Sentire la sua voce è sempre un piacere!>>

<<Credo che sia mancata un po’ di sinergia di orari!>> prova a dare una spiegazione il Dott. Tortormann oramai completamente “rinsavito” dopo il brutto incidente

<<Ma quale sinergia di orari! Per tutti i crateri edificabili di Serrania e di Venerdis! Oggi è DOMENICA!!!>> interviene il Tenente Cifarock

<<E con questo?>> chiede Addux

<<Di domenica non ci sono navicelle che da Barius vanno a Materonia!>> incalza Cifarock

<<Come sarebbe che di domenica non ci sono navicelle da Barius per Materonia? Ma non è Materonia città del Turismo, della Cultura, Ponte del Mediterraneo e Polo Universitario?>> chiede ingenuamente la Guarins

<<Dott.ssa Lei perde troppo tempo ad ascoltare Dario Baldan Bembo ed a fare fotografie! Queste sono proprio le cose che diciamo ai Materoniani per tenerli buoni e loro ci hanno anche creduto fino a poco tempo fa! Adesso però iniziano a risvegliarsi dallo stordimento a cui li abbiamo sottoposti in questi anni ed è per questo che dobbiamo rincoglionirli più violentemente ed al più presto con la nuova arma: lo STRAZIO 2019!>> la rimbrotta bonariamente il Comandante

<<Va bene Comandante, ma adesso come facciamo a lasciare Barius? >> chiede Padre Serafino da Cascino

<<Io potrei chiamare mia cognata la Senatrice Antezzonia e chiedere se ci può mandare un camion dei pompieri per venirci a prendere!>> si propone Luc Braian

<<Potremmo invece chiamare il Vice-Comandante di Materonia Sua Eccellenza Cotugnovic!>> suggerisce Olivosky

<<Ehmm…Cotugnovic lo conosco bene, abbiamo fatto l’Accademia militare insieme e non mi fido! Ricordiamoci che l’operazione STRAZIO 2019 è segretissima e lui, nonostante quello che dice in pubblico, è fedele solo al Generale Vincent Saint Kiriz che ama più del nostro grande Imperatore Von Fillipperburg I! >>

<<Ma non sarà mica in combutta con i rivoltosi?>> chiede preoccupata la Dott.ssa Massenz per poi continuare<<nel qual caso chiederò ufficialmente che Cotugnovic lasci il suo incarico per darlo a qualcuno della Galassia dei Valori!>>

<<Ma no Dottoressa! Cotugnovic parla tanto, rilascia interviste ma, senza il permesso del Generale Saint Kiriz, non si spunta neanche i baffi!>> risponde sicuro Addux

<<Ed allora chiamiamo direttamente il Generale Vincent Saint Kiriz e chiedamo a lui di venirci a prendere!>> insiste la Massenz

<<Figuriamoci Dottoressa!>> spiega Addux <<Vincent Saint Kiriz non verrà mai! Dove sapere che la settimana lavorativa del Generale è intensissima: il lunedì va dall’estetista, il martedì dal barbiere, il mercoledì dalla manicure, il giovedì si fa i massaggi, il venerdì la lampada abbronzante, il sabato la pulizia dei punti neri e, perciò, la domenica si riposa e non si schioda da Materonia per nessun motivo!>>

<<Posso scrivere questa notizia sul giornale di bordo?>> chiede Olivonsky

<<Certo, ma questa volta metta la sua firma, la faccia apparire come una sua idea!>> gli ordina Addux per poi continuare <<e comunque so io chi chiamare per farci venire a prendere qui a Barius! Chiamerò la nostra spia all’interno del movimento rivoluzionario di Materonia dal nome in codice LITTLE ANGEL!>>

<<E chi è costui? >> domanda incuriosito Tortormann

<<La sua identità non la conosce nessuno. E’ della razza per metà uomini e per metà cameleonti. Muta sembianze a seconda della realtà che lo circonda. Pensate che è riuscito a farsi passare in passato per un fedele seguace dell’ex Podestà di Materonia Bucciobelix! Adesso comunque è uno dei nostri! >> spiega soddisfatto il Comandante Addux per poi continuare: <<nessuno conosce neanche la sua voce, ma parla sempre e solo attraverso la moglie! Beh adesso lo chiamo!>>

Il comandante compone il numero e dopo qualche secondo di attesa esordisce:

<<Pronto sono il Comandante Addux, vorrei parlare con Little Angel!>>

<<Salve Comandante Addux sono la moglie di Little Angel e come Lei saprà io parlo e scrivo per conto suo! Mio marito, comunque, non è in casa. E’ andato in Piazza, come ogni domenica, con gli amici per la solita partita di lancio di  semenza! Si divertono un mondo a masticare la semenza e vedere chi sputa più lontano le bucce! Ma, a parte questo, mi dica pure!>> risponde cortese la consorte

<<Lady Angel,  io mi trovo nel pianeta Barius insieme ad alcuni compagni di viaggio e purtroppo essendo oggi domenica non ci sono navicelle della Appu-Lucanida. Non è che può suo marito farci la cortesia di venirci a prendere? Siamo qui in missione per conto dell’Imperatore Vito Von Filipperburg I>>

<<Guardi Comandante, il problema è che non so come contattarlo! Come le ho detto non parla se non tramite la sottoscritta e non posso neanche mandargli un SMS perchè non ha ancora finito la scuola serale! Adesso vedo di raggiungerlo personalmente in Piazza ed insieme la veniamo a prendere a Barius!>> trova una soluzione Lady Angel

<<Grazie signora! Noi allora la aspettiamo!>> ringrazia il Comandante Addux chiudendo la conversazione e poi, rivolgendosi ai membri dell’equipaggio oramai stanchi e seduti sopra i trolley, comunica: <<Ragazzi, ancora un po’ di pazienza e ci siamo. Lady Angel ora va a cercare il marito e poi ci vengono a prendere per portarci a Materonia!>>

<<Finalmente>> si lascia andare Padre Serafino da Cascino per poi continuare: <<nel frattempo cari colleghi, per ammazzare l’attesa posso prendere la mia chitarra e sollazzarvi con uno dei miei concerti Jazz!>>

<<Padre, se Lei tocca la chitarra così come le ho dato l’abbazia dei SS. Aldo e Moro la rispedisco a Potenzonia in una chiesa lontana anni-luce dalla sua amata Cascino!>> minaccia Addux

<<No No! Lontano da Cascino mai! Piuttosto smetto per sempre di suonare!>> impaurito risponde Padre Serafino da Cascino

<<EVVIVA!!! Smette di suonare per sempre! Ne è valsa la pena arrivare fin qui!>> gioiscono tutti gli altri con Gravelino che, ripresosi dalla brutta esperienza a bordo, saltella nuovamente sulle caviglie di Addux che gli regala un altro biscottino!

Dopo circa un’ora di attesa si ode, nel traffico di Baronia, un clacson elegantemente modificato che riproduce, con 10.000 decibel di potenza, una tromba da stadio. Si tratta di una COZZAR I, storico ed elegante modello di navicella con spoiler posteriore, sedili in pelliccia ed antennone da radio-amatore lungo 5 metri. Addux guarda meglio la navicella e poi esordisce: <<Mi sa che quella è la navicella di Little Angel !>>

<<Da cosa l’ha riconosciuta!>> chiede curiosa la Guarins

<<Dalla zampa di coniglio appesa allo specchietto!>> risponde Addux

Dopo neanche un minuto, infatti, la Cozzar I con una sgommata seguita da un testa-coda, si ferma proprio davanti al Comandante. Al posto di guida c’è Little Angel con al suo fianco Lady Angel che inizia a parlare in sostituzione del marito: <<Comandante Lei ed il suo equipaggio potete salire. Mio marito vi saluta e sarà felice di portarvi a Materonia!>>

Così, saliti tutti a bordo, iniziano il viaggio fino a Materonia, dove arrivano dopo circa 45 minuti. Giunti sul pianeta, Little Angel inzia a rotearci sopra alla ricerca di un parcheggio, mentre la Guarins inizia a fotografare i famosi Sassi di Materonia e postarli su Facebook commentando le immagini con frasi in inglese: <<The Sass are like a presèp!>>, <<The Murg is very beatifull>> ed il mai passato di moda <<The pen is on the table!>>

Nel frattempo, finalmente, Little Angel trova un posto dove atterrare e precisamente sulla Cattedrale del pianeta Materonia, ma, mentre l’ intero equipaggio si sta accingendo a scaricare i bagagli, in lontananza sotto l’arco appare una figura possente a cavallo seguita da altri imponenti cavalieri che lentamente si avvicinano alla Cozzar I, fino a quando non diventano riconoscibili e Lady Angel con voce tremante ne svela l’ identità:

<<MA..MA.. quello è il Feldmaresciallo FRANZ PEPPER Generale del Corpo dei Pretoriani di Materonia!!>>

Al solo sentire pronunciare questo nome i membri della spedizione STRAZIO 2019 sbiancano in volto, la dott.ssa Guarins, impietrita, lascia cadere per terra la sua macchina fotografica, una goccia di sudore scivola lentamente su una lente dei ray-ban di Muscarix, mentre Gravelino come un fulmine corre a rifugiarsi tremante sotto la navicella di Little Angel.

Fine IV Puntata

Share

Written by materatown

November 7th, 2011 at 12:10 am