Il sito dei fuorisede di Matera

Archive for January, 2012

Ayatollah Raf Al Ruggierawi

with 8 comments

E così dopo mesi di silenzio alla fine parlò. L’ Ayatollah Raf Al Ruggierawi, sommo ed unico custode della Cultura di Materatown, ha emesso la sua inappellabile fatwa nei confronti di tutti coloro che hanno osato criticare il progetto di Matera 2019 o solamente pensarlo. La terribile condanna è stata pronunciata con solennità e con parole dure ed inequivocabili in occasione dell’ apertura del nuovo anno accademico dell’Unitre, l’Università della Terza Età, durante la quale l’ Ayatollah Raf Al Ruggierawi parlando di “Matera candidata a Capitale Europea della Cultura 2019″ ha così tuonato, puntando il suo sacro dito accusatorio, contro gli infedeli stanziali e fuorisede che in passato hanno mostrato qualche perplessità sull’ambizioso progetto:

<<Occorre combattere quel senso di disfattismo che serpeggia nella nostra città. E’ tempo di combattere la diffusa inerzia, i disarmanti scetticismi, i corrosivi silenzi, le suicide frustrazioni e le accidiose ignavie!>>

Ora, non so voi cari lettori, ma queste parole hanno provocato in me un brivido lungo la schiena perchè, finchè si scherza con Sindaci, Assessori, Presidenti non ci sono problemi, ma se a parlare è Lui, il Grande ed infallibile Ayatollah Raf Al Ruggierawi il discorso si fa serio, molto serio. Stiamo parlando infatti del Padre della Associanesimo, la Religione che conta migliaia di adepti tra gli stanziali; stiamo parlando della massima Autorità vivente nel campo dell’ organizzazione di seminari, tavole rotonde, conferenze e dibattiti; stiamo parlando dell’ uomo più titolato di Materatown  che tra targhe, diplomi, coppe, medaglie, scudetti, trofei, attestati e riconoscimenti vari può riempire un museo intero; stiamo parlando del Grande Faro che chiunque, sia esso pittore, scrittore, poeta, scultore o musicista  deve seguire ciecamente se ambisce a salire i gradini che portano verso l’ eterna beatificazione culturale a Materatown. Ma non solo. L’ Ayatollah Raf Al Ruggierawi è anche la Suprema Guida intellettuale, universalmente riconosciuta, in grado di stabilire ciò che è “Bello “ e ciò che non lo è, ciò che “Arte “ e ciò che non lo è,  nonchè Arbitro e Giudice implacabile che, con un solo cenno della mano, è in grado di decretare quel che è patrocinabile e magari finanziabile e ciò che invece non merita neanche un minuto di attenzione.

Per tutti questi motivi, cari stanziali e fuorisede, accogliamo con il capo chino, il severo monito del nostro Misericordioso Raf Al Ruggierawi, e chiediamogli umilmente perdono se abbiamo osato dubitare della Sua grandezza e di quella del progetto di Matera 2019. Vi invito, quindi, ovunque vi troviate in questo momento, ad inginocchiarvi con il palmo delle mani rivolto verso l’ alto e lo sguardo rivolto verso i santi luoghi di Zètema e La Scaletta per poi pronunciare, sommessamente, la grande preghiera che Lui stesso, magnanimo, ci insegnò più di mezzo secolo fa: <<Il Dio Cultura è Grande e Raf Al Ruggierawi è il Suo Profeta! >>

Share

Written by materatown

January 30th, 2012 at 12:10 am

Posted in Materatown

82 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

with 17 comments

Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigando freneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura:

 

DA TRMTV.IT  del 4/1/2012

FINE DEL MONDO NEL 2012?

<<Si tratta pur sempre>> ribadisce il dottor Giuseppe Bianco responsabile del Centro di Geodesia Spaziale di Matera, <<di una previsione di estinzione elaborata dai Maya, una civiltà estinta!>>

(Ditemi, vi prego, che è una battuta! )

 

DA SASSILIVE.IT del 10/1/2012

A ROSA MASTROSIMONE IL PREMIO DONNA 2012

“Il premio “Donna dell’Anno 2012” è stato conferito a Rosa Mastrosimone,  Segretario Regionale dell’Italia dei Valori e Assessore Regionale alla Formazione–lavoro–Cultura e Sport”

(Se è vero che “La donna è mobile qual piuma al vento” mai premio fu più meritato!)

  

DA MILLEMEDIA DEL 11/1/2012

DUE GIOVANI DELLA PROVINCIA DI MATERA AL LAVORO

Due giovani laureati residenti in provincia di Matera, un uomo e una donna, entrambi disoccupati, saranno impegnati da lunedì 16 gennaio in attività lavorative presso a Camera di Commercio di Matera.

(Ed io che ho sempre pensato che era una notizia quando non si trovava il lavoro!)

  

DA SASSILIVE del 11/1/2012

PROLUNGAMENTO FAL

Il  progetto di metropolitana leggera denominato “ Train & Ride” è stato presentato mercoledì 11 gennaio dal presidente delle Fal Colamussi al 6° piano del palazzo comunale. Il Consigliere Angelino (UDC) apprezza.

(Per completezza d’ informazione: il consigliere Angelino (UDC) apprezza, il consigliere Angelino (FLI) disprezza, mentre il consigliere Angelino (Lista Tosto) forse si astiene! )

   

DA IL QUOTIDIANO del 15/1/2012

DA MATERA A SAN FRANCISCO

IL consorzio di tutela del Pane di Matera Igp, prosegue la sua attività di promozione del prodotto principe della tavola materana; dopo il successo alla manifestazione “Cibo e dintorni” di Berlino, il Consorzio torna a far parlare di se’ in occasione del Winter Fancy Food di San Francisco, negli Stati Uniti d’America.

(Il giro del mondo in 80 forni! )

  

DA HYPERBROS.COM del 17/1/2012

TASSA DI SOGGIORNO A MATERA #1

Gianni Schiuma (Direttore Consorzio Tutela del Pane di Matera IGP) : <<Parto dal presupposto che Matera è un enorme MUSEO A CIELO APERTO […] e che questa città può sopravvivere solo grazie a turismo ed agroalimentare. […] Matera non è Firenze, è più bella di Firenze, ma la gente non lo sa!>>

(Dante, Boccaccio, Donatello, Leonardo, Brunelleschi, Giotto, Botticelli… ma chi erano costoro? )

 

DA HYPERBROS.COM del 17/1/2012

TASSA DI SOGGIORNO A MATERA #2

Francesco Foschino (opinionista): <<Matera soffre il problema di molti visitatori giornalieri ma di pochi soggiorni, con permanenza media bassissima. La soluzione a mio avviso è scoraggiare i visitatori che non soggiornano, tassando i loro bus!>>

(Giacchè ci sei prendili pure a colpi di bazooka! )

  

DA IL QUOTIDIANO DEL 16/1/2012

ADDUCE PUNIRA’ CHI HA SBAGLIATO

Il Sindaco ammette l’errore nella mancata costituzione di parte civile del Comune contro Cifarelli

(Come dice il proverbio: “Chi sbaglia paga ed i terreni sono i suoi!” )

  

DA IL QUOTIDIANO DEL 17/1/2012

SUMMIT DI CREATIVI MATERANI

«E’ più importante il percorso, del risultato da ottenere». Forse nelle parole di Antonio Andrisani è contenuto il senso del summit fra i creativi della città che si è svolto nei giorni scorsi. Adg, Altrimedia, Ego 55, EmmeStampe, Factory DesignMatera, Ideama, Phibrilla, Pubblivision, Resolvis e Timmy Tag si sono guardate per la prima volta negli occhi e, forti delle singole caratteristiche, hanno cominciato, seppur timidamente a usare il “noi” al posto dell’”io”.

(E noi timidamente usiamo un “CAMIN VATTIN”! )

 

DA IL QUOTIDIANO del 20/1/2012

ARRESTI A MATERA

Tito Di maggio: <<Fui il primo a dire che Pepe andava spostato!>>
Pedicini: <<Pepe si sentiva un’ essenza divina!>>

(Gli eroi del giorno dopo! )

 

DA IL QUOTIDIANO del 21/1/2012

MANIFESTAZIONE DEI TAXI IN P.ZZA MATTEOTTI

“Tassisti materani sul piede di guerra!”

(Mamma mia che paura! )

 

DA FACEBOOK DEL 21/1/2012 

DICIARAZIONE ROBERTO CIFARELLI

“Sono stanco di fare la spugna!”

(E ti credo! Tutti giorni ad accudirlo ed a fargli il bagnetto!)

Share

Written by materatown

January 23rd, 2012 at 12:01 am

Eppur si muove!

with 11 comments

Immagini tratte da sassilive.it ed Hyperbros.com durante l’ incontro di qualche giorno fa presso la Mediateca Provinciale sul tema “Metropolitana o Tangenziale”

Share

Written by materatown

January 16th, 2012 at 12:01 am

Posted in Materatown

I Re Magi di Materatown

with 7 comments

La notte scorsa, dopo essere stato ad una cena a casa di amici, sulla via del ritorno ho imboccato per errore una stradina di campagna stretta e buia. Ho iniziato così a girovagare per le lande nordiche e nebbiose nella speranza di incontrare un cartello che mi indicasse “la diritta via che avevo smarrito”. Mentre procedevo con la mia auto a passo d’uomo con uno stato d’ansia che andava aumentando e con in sottofondo una canzone dei Jalisse, tre “figuri” in sella a quelli che, a prima vista, mi sono sembrati dei cavalli, si sono improvvisamente materializzati davanti alla mia autovettura e, solo grazie al fatto che tenevo una bassa andatura, ho evitato di investirli in pieno. Per qualche interminabile secondo sono rimasto inchiodato al sedile e nonostante avessi i fari puntati contro questi cavalieri sbucati dal nulla, il riverbero della nebbia mi impediva di distinguerne la fisionomia e così, facendomi non poco coraggio, sono sceso ed ho subito realizzato che quelli che mi erano sembrati dei cavalli altro non erano che cammelli e che coloro che li montavano erano tre uomini vestiti in modo stravagante e con il capo fasciato da strani e curiosi turbanti. Come capita quando ci si trova in situazioni inaspettate (e certamente l’ incontro in piena notte con uomini su un cammello è una di queste) spesso la prima reazione a caldo non è la più naturale e così le prime parole che mi sono uscite di bocca non sono state <<E chi diavolo siete voi vestiti come tre deficienti su dei cammelli? >> bensì un semplice quanto innocuo: <<Buonasera!>>

<<Buonasera a lei!>> mi risponde cortesemente uno di loro <<Lasci che ci presentiamo. Siamo i Re Magi e precisamente io sono Gasparrùce e loro sono i miei compagni di viaggio Melchiorelli e Bergantorre!>>

<<Gasparrùce, Melchiorelli e… Bergantorre?>> domando io per poi proseguire <<Ma mi state prendendo in giro? Da quel che so io i Re Magi si chiamano Gasparre, Melchiorre e Baldassarre!>>

Colui che si era presentato come Gasparrùce allora mi risponde:<<Non la stiamo prendendo in giro! Deve sapere che quest’anno il Nostro Signore, per ottimizzare costi e tempi di viaggio, ha indetto dei concorsi, uno per ogni città, per la figura di Re Magio e noi siamo i vincitori per questo ruolo per la città di Materatown!>>

Sempre più confuso cerco allora di chiarirmi le idee: <<Mi scusi Re Gasparrùce, ma se ho capito bene, quest’anno i Re Magi saranno originari del posto dove devono portare i regali e questo per risparmiare sui costi del viaggio. Giusto?>>

<<Giusto!>> interviene Bergantorre nascondendo solo in parte dietro la sua folta barba un piccolo sorriso

<<Ed allora, se voi siete di Materatown, ed è proprio per questo che siete stati scelti per fare i Re Magi, cosa ci fate qui in questa stradina di campagna nel profondo nord? >> domando sempre più perplesso

<<E qui sta il problema!>> mi interrompe Melchiorelli <<noi siamo di Materatown ma io quando mi è arrivata la nomina di Re Magio ero in Turchia a parlare di Dieta Mediterranea e precisamente della funzione della “crapiata” come “volano” per il turismo in vista del 2019!>>

<<Io ero in Nuova Guinea per far conoscere i famosi Cucù agli aborigeni per uno scambio etno-demo-storico-culturale come premessa per un loro coinvolgimento per il 2019!>> mi spiega Bergantorre

<<Ed io ero in Groenlandia per un convegno dal titolo “Quali le analogie tra gli Igloo ed i Sassi? ” come primo passo per un gemellaggio con gli eschimesi per il 2019. Pensi, vorremmo per quella data portare degli igloo a Materatown grazie a fondi PISUS, dei PIOT, del PUM del CIP & CIOP e di RIC e GIAN>> si giustifica anche Re Gasparrùce

<<Ah ora capisco!>> affermo iniziando finalmente a capire <<e quindi adesso siete in viaggio per Materatown!>>

<<E purtroppo ci siamo persi!>> sconsolato ammette Melchiorelli <<e dobbiamo portare i nostri doni agli stanziali di Materatown in tempo per il 6 Gennaio!>>

<<Oro, Incenso e Mirra? >> domando retoricamente

<<Nè oro, nè incenso nè mirra! Visto che quest’anno i Re Magi sono diversi per ogni città anche i regali lo saranno! Saranno personalizzati in virtù dei bisogni delle singole cittadinanze!>> mi smentisce Gasparrùce

<<Ottima idea! Quindi agli stanziali di Materatown porterete Lavoro, Ferrovia e Netturbini!>> affermo felice per i miei concittadini 

<<Macchè Lavoro, Ferrovia e Netturbini! Io porterò un Palombaro!>> mi corregge Gasparrùce <<che simboleggia l’apertura degli ipogei del Palombaro in Piazza! Gli stanziali saranno felicissimi di questo regalone!>>

<<Ah, non vedevano l’ora, non ho alcun dubbio! >> affermo per poi rimanere senza parole

<<Io invece porterò tanti alberi di Natale, fedeli riproduzioni in scala di quello della Piazza, da mettere in ogni rione di Materatown! Sono delle vere e proprie opere d’arte!>> mi comunica Bergantorre

<<A dir la verità, Re Bergantorre, mia madre per telefono mi ha sconsigliato di scendere a Materatown fino a quando l’ albero in Piazza non viene tolto. Pare che la sua visione, anche per breve tempo, provochi malori improvvisi con fitte strazianti alla pancia!>> faccio presente al Re Magio

<<Guardi, io potrei adesso tenere a Lei ed a sua madre una lezione di alta filosofia sul concetto di “bello” citandole Kant, Rousseau, Schopenhauer o Hegel e così umiliarla con la mia sconfinata cultura ma preferisco limitarmi ad un vecchio proverbio di Materatown sempre valido che dice: “non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che fa, della senatrice, il cognato e suo fratello! “>> mi risponde Bergantorre

<<E Lei, Re Magio Melchiorelli, quale dono porterà agli stanziali di Materatown?>> chiedo a questo punto incuriosito

<<Io porterò la sinergia!>> fiero mi comunica l’ ultimo dei Re Magi

<<Questa non l’ho capita! Scusi, Melchiorelli, ma come è fatta la sinergia?>> domando meravigliato

<<E che ne so io? So solo che basta citarla e si fa un figurone!>> mi risponde Melchiorelli

 <<Continuo a non capire! Scusi se insisto, ma come si fa a regalare una cosa che non si conosce?>> ribadisco

<<Adesso, però, Lei non faccia troppo il pignolo>> leggermente infastidito mi replica Re Magio Melchiorelli per poi continuare: <<per secoli e secoli uno dei Re Magi ha portato in dono la Mirra eppure nessuno si è mai meravigliato… e sfido chiunque a dirmi come diavolo è fatta sta’ cazzo di Mirra! >>

<<Effettivamente me lo chiedo da quando ero bambino!>> lo interrompo

<<…ecco appunto! Ed adesso Lei mi fa tutte queste storie per sapere come è fatta la sinergia? Si fidi e basta, come ha fatto per la Mirra! >> mi rimbrotta Melchiorelli

<<Vabbè, adesso però Lei sa indicarci la strada per Materatown?>> interviene nella discussione Gasparrùce

<<Certamente>> rispondo per poi continuare <<siete tre Re Magi fortunati. Io sono un fuorisede di Materatown! Allora, dovete andare in fondo a questa stradina, poi girare a destra e, quando siete arrivati ad un semaforo aspettate che diventi ROSSO e attraversate!>>

<<Voleva dire “aspettate che diventi VERDE”>> mi corregge Bergantorre

<<No! Aspettate il ROSSO! Qui al Nord funziona esattamente al contrario di come funziona a Materatown! Con il rosso si passa e con il verde ci si ferma!>> serio ribadisco il concetto

<<Certo che sono strani sti’ nordici! >> commenta Re Magio Melchiorelli

<<Ecco, dopo andate avanti e prendete la prima uscita della rotonda e poi svoltate a sinistra e lì dovreste trovare le indicazioni per Materatown!>> continuo a spiegare

<<Grazie! E’ stata veramente una fortuna averla incontrata. Grazie a Lei gli stanziali di Materatown potranno ricevere i nostri splendidi regali e le saranno riconoscenti!>> all’ unisono mi ringraziano tutti e tre i Re Magi

<<Figuratevi! E’ stato un piacere! E, mi raccomando, ricordatevi dei semafori!  Ogni volta che trovate il rosso passate pure tranquillamente!>> saluto e salgo in macchina per poi riprendere il cammino verso casa vedendo dallo specchietto retrovisore i Re Magi diventare sempre più piccoli fino a sparire nella fitta nebbia.

Come avrete capito, cari lettori, io non avevo la più pallida idea, essendomi anche io perso, di quale fosse la strada per arrivare a Materatown. Spero solo, per il vostro bene, che i tre Re Magi siano ancora lì sperduti nella campagna nordica o che qualche semaforo, grazie alla mia piccola innocente bugia riguardo al comportamento da tenere con il “rosso” e con il “verde”, abbia provveduto a rallentare la loro discesa a Materatown. Se, invece, il giorno della Befana vi arriveranno in dono un Palombaro, degli Alberelli di Natale e Sinergia, allora vorrà dire che il mio tentativo è fallito. Apprezzatene comunque l’intenzione e Buona Epifania a tutti!

Share

Written by materatown

January 5th, 2012 at 12:01 am

Posted in Materatown