Il sito dei fuorisede di Matera

Archive for May, 2012

Quell’informatico là devi metterlo qua!

with 4 comments

<<Sulla gestione del sistema idrico, la Basilicata ha fatto scuola a livello nazionale. Per proseguire su questa strada c’è stata la scelta di impegnare su questo fronte chi ha dimostrato di saper ben operare..>> così la mattina del 5 Aprile scorso Vito De Filippo, Presidente della Regione di Basilicata , ha esordito davanti alla Assemblea degli azionisti dell’ Acquedotto Lucano. Ma facciamo prima un passo indietro di qualche mese:

L’ 11 Dicembre del 2011 viene improvvisamente a mancare Egidio Nicola Mitidieri, Presidente dell’ Acquedotto lucano, già consigliere regionale DC, già Assessore all’ Agricoltura e già Presidente del Consiglio regionale. Appresa la notizia, il Presidente della Regione, detentore insieme a 74 sindaci lucani dell’87% del capitale sociale dell’azienda idrica, avvia immediatamente una procedura di selezione al fine di trovare la persona che possa sostituire  al meglio lo scomparso Nicola Mitidieri.

Visto che Acquedotto Lucano dovrebbe, da quello che si legge sul suo sito internet, “garantire l’erogazione migliorando costantemente l’efficienza del servizio puntando sull’innovazione degli impianti e sulla diffusione della cultura del valore acqua”, ci saremmo aspettati che la Regione fosse invasa da autocandidature di laureati in Ingegneria Idraulica o anche Gestionale, dato che si tratta comunque di un ruolo dirigenziale all’interno di una azienda. Ed invece no! Per quegli strani misteri della vita pare che la poltrona di Presidente dell’ Acquedotto Lucano abbia scatenato gli appettiti di una categoria particolare e cioè quella degli informatici e, per tale motivo, ai colloqui di assunzione si sono presentati nell’ordine:

  •  il Sig. JOBS Steven Paul detto Steve di San Francisco fondatore della Apple, inventore di prodotti come il Macintoch, l’ iPhone, l’iPad e del mouse. Celeberrima la sua frase che: <<Non puoi chiedere alla gente di cosa ha bisogno e poi provare a dargliela, perchè dopo che l’avrai costruita la stessa gente vorrà già qualcos’altro!>>
  • il Sig. GATES William Henry detto Bill di Seattle fondatore della Microsoft. E’ considerato l’uomo che ha reso accessibile a tutti il Personal Computer. Ogni volta che apriamo un documento di word o un foglio excel lo dobbiamo a quest’uomo. Al momento della fondazione di Microsoft scuscitò l’ ilarità di molti affermando: <<Nel futuro vedo un computer su ogni scrivania e uno in ogni casa!>>
  • il Sig. ZUCKERBERG Mark di White Plains. E’ il padre giovanissimo di Facebook, grazie al quale miliardi di persone hanno cambiato il loro modo di comunicare. Nel 2007, quando ancora facebook non era il colosso che conosciamo oggi, alcuni investitori si offrirono di comperare per svariati milioni di dollari la creatura di Zuckerberg. Egli rispose:<<No Grazie! L’unica cosa che realmente mi interessa è la mia missione, rendere il mondo aperto!>>
  • la Sig.ra  GENTILE Rosa di Rotondella (MT). E’ iscritta all’albo dei formatori della Regione Basilicata e insegna Informatica in alcuni corsi di formazione. Ha inventato il famoso social network “Amici di Maria” grazie al quale si può chiedere l’amicizia a Maria e, una volta ottenuta, il software lavora da solo e inizia ad assegnare al fortunato “nuovo amico di Maria”, senza soluzione di continuità, posti, poltrone, presidenze, direzioni, incarichi, consulenze ed assessorati vari in qualunque parte della Regione l’ utente desidera. E’ entrata nella storia dell’informatica la frase della Sig.ra Gentile a De Filippo:<<Uagliò tu non si capisciut nud! Io so’ amica di Maria perciò mo’ppint muv’t e annisc’ un incarico chè se no per te so dolori amari! >>  pronunicata in occasione del rimpasto della giunta di Basilicata quando all’ informatica di Rotondella venne tolto l’ assessorato alle Opere Pubbliche a favore di MANCUSI Agatino (UDC) che a sua volta lasciò quello all’ Ambiente per darlo a MAZZOCCO Vilma dell’ API, la quale lasciò quello dell’ Agricoltura per darlo a MASTROSIMONE Rosa (IDV) che cedette quello alla Formazione a favore della new entry, tal VITI Vincenzo, il volto nuovo della politica lucana.

E adesso torniamo al punto da cui eravamo partiti e cioè al 5 Aprile 2012 , giorno in cui il Presidente della Regione annuncia la scelta che l’ Assemblea degli azionisti ha compiuto per la carica di Presidente dell’ Acquedotto Lucano. Non senza emozione Vito De Filippo si alza in piedi e pronuncia la fatidica frase: <<Sulla gestione del sistema idrico, la Basilicata ha fatto scuola a livello nazionale. Per proseguire su questa strada, abbiamo scelto di continuare a spendere in questo campo le migliori energie e così c’è stata la scelta di impegnare su questo fronte chi ha dimostrato di saper ben operare..e per ciò dichiaro Presidente la Sig.ra GENTILE Rosa di Rotondella!>>

La delusione che devono aver provato il Sig. Jobs, il Sig. Gates ed il Sig. Zuckerberg possiamo solo immaginarla ma, pare, che pur essendo tutti i candidati degli informatici di primissimo piano, l’arma in più della Sig.ra Gentile sia stata proprio nel suo innovativo software, “Gli Amici di Maria”, e nella capacità che esso ha nel “sistemare” chiunque entri in questo strabiliante social-network, di fronte al quale non c’è Windows, Facebook o iPhone che tenga!

Share

Written by materatown

May 28th, 2012 at 12:06 am

Posted in Materatown

Quel filosofo là devi metterlo qua!

with 4 comments

<<Dopo una attenta valutazione dei curricula pervenuti a seguito del bando del Consiglio regionale…>> così la mattina del 23 Aprile scorso Enrico Mazzei, vicepresidente del Consiglio regionale di Basilicata (su delega del presidente Folino, impegnato in una missione istituzionale all’estero) ha esordito davanti alla riunione dei capigruppo. Ma facciamo prima un passo indietro di qualche settimana:

Il 6 Marzo del 2012 nel Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata (BUR n°7) a pag. 1975 appariva la seguente notizia: AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL DIRETTORE DELL’ AGENZIA REGIONALE PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA (A.R.B.E.A.) subito seguita dall’ avvertenza che “Il Direttore è nominato dal Consiglio regionale fra persone in possesso di documentate competenze in materia di organizzazione e amministrazione” . Venivano poi fornite le indicazioni su come compilare ed inviare il proprio curriculum non prima di aver chiarito che il campenso spettante al futuro Direttore dell’ ARBEA sarebbe stato calcolato “seguendo i parametri previsti per i dirigenti generali della Regione (art. 9, comma 5 – l.r.15/2001)”  che tradotto in moneta sonante vuol dire circa 100.000 Euro all’ anno.

Visto che la sigla A.R.B.E.A. sta per Agenzia della Regione Basilicata per le Erogazioni in Agricoltura, non so voi, cari lettori, ma io mi sarei aspettato che la Regione fosse invasa da curricula di laureati in Agraria o, stando ai requisiti richiesti e cioè “competenze in maniera di organizzazione ed amministrazione” laureati in Economia e Commercio o in Ingegneria Gestionale. Ed invece no! Per quegli strani misteri della vita pare che questo bando abbia scatenato gli appettiti di una categoria particolare e cioè quella dei filosofi e, per tale motivo, ai colloqui di assunzione si sono presentati nell’ordine:

  •  il Sig. TALETE di Mileto della scuola dei naturalisti. Il suo pensiero si fonda sul concetto di ricerca dell’ archè, ossia del principio primo di tutte le cose che esistono in natura. Per il Sig. Talete l’ archè può essere identificato con l’elemento acqua, da cui tutto ha origine. 
  • il Sig. SOCRATE di Atene considerato il padre indiscusso della filosofia occidentale. Per il sig. Socrate la verità non è raggiungibile dall’ uomo perchè le verità che gli uomini pensano di possedere spesso sono contradditorie o inutili. L’uomo può al massimo ambire a conoscere se stesso e l’ unica verità che possiamo possedere è quella di ” sapere di non sapere”.
  • il Sig. PLATONE di Atene fondatore della prima Accademia filosofica della storia. Il nucleo principale del pensiero del Sig. Platone si fonda sul concetto di verità ed opinione. La verità è come le cose “sono” nella realtà , mentre le opinioni sono tutto ciò che è visto dagli occhi fallibili degli uomini. Compito del filosofo è aiutare gli uomini a liberarsi dalle opinioni per raggiungere la verità.
  • il Sig. COLANGELO Rocco di Avigliano (PZ) laureato in Filosofia e membro della scuola dei “defilippici”. Il suo pensiero, come quello del suo “maestro”, si fonda tutto su due concetti fondamentali: il “ricyclos”, cioè la teoria secondo la quale tutti gli uomini devono continuamente mutare la loro natura e le loro idee, e la “zompaieutica” ossia l’arte di “zompare” sempre e con tempismo sul carro dei vincitori in tutti i periodi storici. Solo facendo così l’individuo avrà garantita felicità e benessere.

E adesso torniamo al punto da cui eravamo partiti e cioè al 23 Aprile, giorno in cui il vicepresidente del Consiglio Regionale proclama il vincitore del bando di concorso per la carica di Direttore dell’ ARBEA. Non senza emozione Enrico Mazzei si alza in piedi e pronuncia la fatidica frase: <<Dopo una attenta valutazione dei curricula pervenuti a seguito del bando del Consiglio regionale, con Decreto n. 63 del 23/04/2012 il dott. Rocco COLANGELO viene nominato Direttore dell’ARBEA >>

La delusione che devono aver provato il Sig. Talete, il Sig. Socrate ed il Sig. Platone possiamo solo immaginarla ma, pare, che pur essendo tutti i candidati dei filosofi di primissimo piano, l’arma in più del Sig. Colangelo sia stata proprio nel suo pensiero filosofico e quindi nella teoria del “ricyclos” e nell’ applicazione dell’ arte della “zompaieutica”. Infatti il Sig. Colangelo è stato un fervido socialista negli anni ’80 nonchè craxiano di ferro, per poi essere Assessore regionale al bilancio e alla programmazione ed infine membro della Direzione PD della Regione Basilicata, carica, questa, attualmente ricoperta.

Share

Written by materatown

May 21st, 2012 at 12:03 am

Posted in Materatown

Piddì Card

with 7 comments

A Materatown oramai è in corso una vera e propria invasione da parte di quei rettangolini di plastica, nella maggioranza dei casi dotati di “banda magnetica” e/o “chip”, comunemente conosciuti con il nome di “card “. La più famosa in assoluto è la Card per ottenere il famigerato bonus di circa 100 euro sul rifornimento di benzina, cifra che, da quel che si sente dire qui nel profondo nord, molti stanziali hanno sì risparmiato al momento di fare il pieno nella propria automobile, ma che poi hanno prontamente speso in medicinali visti i malori da cui sono stati colti durante le interminabili code alla Poste. L’ultima “card” in ordine cronologico, presentata alcune settimane fa con toni trionfalistici durante una conferenza stampa,  è la Tourist Card che, secondo le intenzioni dei suoi fautori, dovrebbe essere consegnata ai turisti che “invadono” Materatown e che permetterebbe sconti incredibili su non meglio specificati servizi e prodotti locali.

Quello che però onestamente proprio non riusciamo a capire, noi di materatown.net, è il motivo per cui la “card” più utile, più conveniente in assoluto, soprattutto per gli stanziali, non goda della stessa pubblicità delle pur meritevoli “card” appena descritte. Stiamo parlando della semi-sconosciuta PIDDÌCARD del circuito POSTOmat che, come è facile intuire dal nome, favorisce una sistemazione lavorativa e professionale, insomma l’agognato “posto”, a tutti coloro che hanno la fortuna di possederla nel loro portafoglio. Ma da oggi, cari stanziali e fuorisede che magari desiderate fare rientro nella città natìa, il funzionanamento della PIDDÌCARD ve lo spieghiamo noi  dandole giustamente il risalto che merita:

Prima di tutto diciamo, a scanso di equivoci, che questa “card” si ottiene in qualunque sezione del PD abilitata al servizio. Basta presentarsi, chiedere di iscriversi al Partito e, previa consegna di una dichiarazione autenticata da un notaio dove scegliete la corrente di appartenenza, immediatamente vi verrà consegnato un kit di benvenuto così composto:

  • Breviario delle più belle frasi di Enrico Berlinguer e Aldo Moro da citare in ogni situazione, anche le più difficili;
  • Guida all’ utilizzo delle parole “sinergia”, “fare sistema”, “partnership”, “piattaforma programmatica” ed “eccellenze”;
  • Un accattivanente cofanetto multimediale per un corso completo di dizione, terminato il quale, sarete in grado di pronunciare con espressione seria e convinta, senza correre il rischio di essere sommersi da risate fragorose, le seguenti dichiarazioni: <<Non rinnego il mio passato democristiano!>>, <<Non rinnego il mio passato comunista!>>, <<Non rinnego il mio passato socialista>> e anche un difficilissimo <<Non rinnego il mio passato socialdemocratico!>>
  • Manuale pratico su “come e quando” pronunciare le frasi “Veniamo da lontano e andiamo lontano”, “fare un passo indietro”, “senza se e senza ma” e “se non ora quando? “;
  • L’ultimo romanzo scritto a quattro mani da Walter Veltroni e Massimo Calearo dal titolo “Se la classe operaia va in paradiso perchè diavolo dobbiamo preoccuparcene noi?”;
  • E finalmente la tanto agognata PIDDÌCARD del circuito POSTOmat che in esclusiva vi mostriamo nella fotografia che accompagna quest’ articolo;

La PIDDÌCARD, è utile ricordarlo, è una “card” ricaricabile che, quando vi viene consegnata, al suo interno sono già accreditati 10 punti come benvenuto. Il punteggio aumenterà da quel momento in poi solo grazie al vostro attivismo all’ interno del Partito e per la precisione:

  • 10 punti per ogni parente o amico che farete tesserare;
  • 50 punti per ogni attività da voi organizzata per matera 2019;
  • 100 punti per ogni articolo pro-PD pubblicato su un giornale locale;
  • 200 punti per ogni trasporto di “borsa” ad un dirigente del Partito;
  • 200 punti per ogni difesa in pubblico dell’ operato del Sindaco;
  • 300 punti per ogni favore elargito ad un altro membro del Partito;
  • 500 punti per ogni favore elargito ad un dirigente del Partito;

Raccolto un numero sufficiente di punti potrete recarvi presso una delle sezioni del PD, consegnare la “card” all’ adetto che provvederà, dopo aver controllato il punteggio accumulato,  a farvi ritirare un premio tra quelli presenti nel favoloso catalogo del POSTOmat:

  • 1000 punti: Candidatura ed elezione assicurata al Consiglio Comunale di Materatown;
  • 2000 punti: Candidatura ed elezione assicurata al Consiglio Provinciale di Materatown;
  • 3000 punti: Borsa di studio rinnovabile per un anno presso una Fondazione o l’ Università di Basilicata;
  • 5000 punti: Posto a tempo determinato presso un Ente pubblico tra quelli a disposizione o Dottorato di ricerca presso l’ Università di Basilicata;
  • 8000 punti: Posto a tempo indeterminato presso Ente pubblico tra quelli a disposizione o Ricercatore presso l’ Università di Basilicata;
  • 10.000 punti: Posto a tempo indeterminato per voi o un vostro parente presso Ente pubblico a vostra scelta;
  • 20.000 punti: Posto a tempo indeterminato con carica dirigenziale presso Ente pubblico oppure a partecipazione statale. In alternativa nomina ad Assessore Regionale per metà mandato;
  • 50.000 punti: Consegna della SILVER PIDDÌCARD + posto a tempo a indeterminato con carica dirigenziale ereditabile da un vostro parente presso un Ente pubblico o a partecipazione statale. In alternativa nomina ad Assessore Regionale per l’ intero mandato;
  • 100.000 punti: Consegna della GOLD PIDDÌCARD, candidatura ed elezione assicurata presso il Senato della Repubblica o Camera dei Deputati, candidatura ed elezione assicurata di un vostro parente di primo grado al Consiglio Regionale e per finire candidatura ed elezione assicurata per un vostro parente di secondo grado presso il Consiglio Comunale di Materatown.

IMPORTANTE: Se siete una donna, al momento dell’ iscrizione al Partito, vi verranno caricati nella PIDDÌCARD “rosa” ulteriori 10 punti in omaggio ed in più vi verrà consegnato il famoso ed imperdibile Saggio di Giovanna Melandri, con prefazione di Alba Parietti, dal titolo “Miracolo nella sinistra italiana: Da Nilde Iotti all’Antezza – Come è potuto accadere? “

Share

Written by materatown

May 14th, 2012 at 12:09 am

Posted in Materatown

87 – Come ho fatto a vivere senza sapere che:

with one comment

Il fuorisede di Materatown spesso si ritrova a cercar le notizie riguardanti la sua città navigando freneticamente su Internet oppure chiamando smanioso i suoi genitori o amici stanziali alla ricerca di tutte le novità che riguardano la sua città natale. Spesso questo compito è veramente improbo ed allora materatown.net ha deciso di aprire una nuova rubrica intitolata “come ho fatto a vivere senza sapere che…” che altro non è che una raccolta delle news più importanti cioè quelle che veramente, a giudizio del nostro staff, non possono mancare nel bagaglio conoscitivo del fuorisede. Sicuri di fare cosa utile ecco a voi l’ estratto degli ultimi giorni. Buona lettura:

 

DA IL QUOTIDIANO DEL 17/4/2012

CELEBRAZIONI DI PASCOLI ALL’ UNITEP

Oggi alle ore 17,30 l’Unitep di Matera avvia le celebrazioni per il centenario della morte del poeta Giovanni Pascoli con un incontro culturale sul tema “Giovanni Pascoli, pellegrino della vita, cavaliere errante dell’insegnamento”

(O cavaliere, cavaliere storno! )

 

DA IL QUOTIDIANO DEL 17/4/2012

CITTA’ CANDIDATE VERSO IL 2019

Ed è stato proprio Verri a disegnare la mappa della situazione:<<Ravenna e Venezia sono quelle più avanti. L’Aquila in questo momento non può però essere presa seriamente in considerazione in una gara normale come invece dovrebbe essere!>>

(Come è umano Lei dott. Verri! )

 

DA IL QUOTIDIANO DEL 18/4/2012

PEPE ENNESIMA FUMATA GRIGIA

La Procura non invia gli atti al tribunale della Libertà. Rinvio al 24 aprile!

(Per l’ “Habemus Pepem” dobbiamo aspettare! )

 

DA IL POMERIDIANO DEL 21/4/2012

CACCIA IL PADRE DI CASA E LO FA VIVERE IN AUTO: ARRESTATO

“Ha cacciato l’anziano padre di casa costringendolo a vivere nella sua automobile per impossessarsi dell’appartamento e viverci con la compagna”

(Questa casa non è un ospizio! )

 

DA IL QUOTIDIANO DEL 22/4/2012

ALBENGA-MATERA COAST TO COAST

“Il pittore Roberto Lafornara raggiungerà i Sassi dalla Liguria con una Vespa 125!”

(Il pittore Lafornara raggiungere Sassi di Matera con Vespa? Estiqaatsi…pensa che è grande cosa questo viaggio! )

 

DA SASSILIVE del 23/4/2012

MATERA E’ FIERA

Matera è fiera cala il tris. La Quadrum dei fratelli Franco, Luca e Donato Braia ha presentato in conferenza stampa presso la Camera di Commercio di Matera la terza edizione di “Matera è Fiera”.

(Piatto ricco mi ci ficco! )

 

DA IL POMERIDIANO DEL 24/4/2012

IL CONSIGLIO LUCANO ALLA MARCIA PER L’AMNISTIA

Il presidente del Consiglio regionale Vincenzo Folino motiva la sua adesione alla manifestazione: <<Aderisco alla seconda marcia per l’amnistia, perché condivido l’allarme lanciato sulla realtà carceraria italiana!>>

(E’ sempre buona cosa investire sul proprio futuro! )

 

DA TRMTV DEL 24/4/2012

AZIENDA CINESE CLONA CALIA 

L’ azienda cinese propone prodotti completamente contraffatti, al punto tale che su uno di questi depliant compare anche l’immagine del fondatore dell’azienda materana, Vincenzo Calia, scomparso anni fa e che i produttori cinesi danno ancora per vivo e in piena attività.

(Il famoso miracolo cinese! )

 

DA SASSILIVE DEL 28/4/2012

PEDICINI DENUNCIA DEGRADO

“Riceviamo e pubblichiamo la nota del Consigliere comunale del PDL Adriano Pedicini che prende spunto dall’imminente bandi dell’amministrazione comunale per la gestione degli impianti sportivi”

(E’ la prima volta che noi di materatown.net non riceviamo il comunicato di Pedicini! Chissà perchè!)

  

DA IL QUOTIDIANO DEL 1/5/2012

MATERA POLO D’ATTRAZIONE DEL CINEMA

Presidente della Provincia Stella: <<La sfida di Matera al ruolo di Capitale europea della cultura nel 2019, appartiene al nostro DNA>>

(E’ meglio che vada a fare l’esame del DNA: ho il dubbio di essere “figlio di città ignota!” )

 

DA IL POMERIDIANO DEL 30/4/2012

I BEAGLE RINGRAZIANO

Siamo solidali con gli animalisti che due giorni fa hanno liberato i cuccioli di beagle destinati agli esperimenti e alla vivisezione. Pensate, sull’altare della scienza, gli umani da tempo hanno deciso di sacrificare un’altra specie di mammiferi che, come gli umani, gioiscono, soffrono, si riproducono e muoiono. I difensori degli esperimenti continuano a ripetere che si tratta di una pratica indispensabile per testare i farmaci ma, fateci capire, chi glielo spiega ai piccoli beagle che devono morire immolati sull’altare sacrificale della razza umana? Bravi, avete fatto bene a liberarli e una nota di merito va all’ex ministro Michela Brambilla, animalista convinta e praticante, che ha fornito l’assistenza di un suo legale di fiducia.

( Per commentare questa notizia lasciamo la parola ad una madre di nome Anna: <<Spero che nessuno di voi si trovi mai a dover pregare affinchè testino quanto prima un farmaco efficace per la malattia degenerativa della propria figlia!>>)

Share

Written by materatown

May 7th, 2012 at 12:08 am