Il sito dei fuorisede di Matera

Archive for August, 2012

Wonder Simon

with 39 comments

Sei un Sindaco ed hai un problema? Non sai come andare avanti? Ci sono più “capi-corrente” da accontentare che posti da assegnare? Ti accusano di non aver fatto nulla per la tua città? Vuoi continuare a partecipare a eventi, manifestazioni, premiazioni e dibattiti magari gustandoti un aperitivo e noccioline ma la tua giunta traballa pericolosamente? Sei confuso e fai ordinanze “a capocchia”? Insomma non vedi più nessun futuro per la tua amministrazione? Allora, non perdere altro tempo. Non gettare la spugna dichiarando così il tuo fallimento. Non aprire una crisi mandando i tuoi concittadini a votare. Fai come il Sindaco di Materatown: chiama anche tu l’unica persona che può risolvere i tuoi problemi e garantirti una sopravvivenza: Chiedi aiuto a WONDER SIMON.

WONDER SIMON nella vita di ogni giorno è una fotografa, nonchè esperta di citazioni musicali e cinematografiche su Facebook, ma appena il suo super-udito intercetta la disperata richiesta d’aiuto di un sindaco fallimentare, ecco che la timida e riservata ragazza tutta casa, lavoro e internet inzia a ruotare vorticosamente su stessa e si trasforma in WONDER SIMON, dotata di uno straordinario superpotere che le permette di assumere le sembianze politiche più opportune a seconda delle necessità del momento. C’è bisogno di un assessore qualsiasi purchè donna? Ecco che WONDER SIMON è lì pronta ad accettare qualunque delega. Dopo una settimana il suo posto da assessore deve essere dato a qualcun altro? Nessun problema! WONDER SIMON senza sollevare nessuna polemica si fa da parte e si lascia parcheggiare. C’è bisogno di qualcuno che scriva comunicati stampa che difendano l’amministrazione comunale? WONDER SIMON non si lascia pregare e in un batter d’occhio diventa Segretaria cittadina del partito del Sindaco. C’è un rimpasto e bisogna rifare la giunta? WONDER SIMON non conosce sentimenti di orgoglio e, non solo ritorna, ma anche questa volta non ha importanza nè la delega assessorile nè la durata dell’incarico (un mese, una settimana o un giorno), perchè quello che solamente conta per la nostra-eroina è legarsi con il suo “lazo magico” al sindaco in difficoltà per soccorrerlo e difenderlo con cieca e fedele obbedienza.  

Share

Written by materatown

August 27th, 2012 at 12:14 am

Posted in Materatown

Collar’s-up Fiction Festival

with 5 comments

Sono passati quattro anni da quando, non senza emozione, schiacciammo per la prima volta il pulsante “Pubblica” dalla tastiera di un piccolo e vecchio computer di una piccola casa del Nord. Nelle prime 48 ore ricevemmo in tutto 2 sole visite, ma il viaggio nel misterioso mondo del web era cominciato. Così vide la luce materatown.net ed era un lunedì. Per la precisione erano le 12 e 17 dell’ 11 Agosto 2008.

Da quel giorno sono passati tanti articoli, tanti commenti e anche qualche polemica ma, soprattutto, tante nostre “discese” estive a Materatown durante le quali abbiamo potuto constatare che molte cose rimangono immutate nonostante il passare del tempo: le vacanze a Metaponto o Castellaneta, il gelato di Tripoli, l’autocelebrazione delle “eccellenze”, gli ingorghi al Pino, il caldo che, a sentire gli stanziali, è puntualmente più afoso rispetto all’anno precedente, per non parlare del ” quest’anno a Ferragosto c’è più gente del solito a Materatown. Si vede che c’è la crisi! “. Una cosa però è cambiata e, precisamente, l’abbigliamento tipico dello stanziale di sesso maschile a passeggio nelle serate d’estate. E’ senza dubbio in via di estinzione il caro l’uomo-marsupio, quello, per intenderci, con sandalo traforato marrone sopra il quale si slanciano nude “gambotte” irsute che terminano dentro pantolincini di spugna tenuti stretti da una cintura di corda intrecciata. Fateci caso: oramai se ne vedono sempre di meno soprattutto tra i giovani che hanno abbandonato le vecchie tradizioni dei padri e dei nonni per abbracciare la moda del COLLAR’S UP meglio conosciuta come la moda del “colletto alzato” della camicia ma soprattutto della polo in modo da far vedere a colui che segue da tergo, come da uno schermo di 42 pollici, la griffe dell’ indumento indossato.

A questa nuova specie che sta prendendo il sopravvento a Materatown, soppiantando appunto l’uomo-marsupio, abbiamo deciso di dedicare, per festeggiare il 4° anniversario dalla nascita di materatown.net, il nostro consueto festival culturale che abbiamo denominato il COLLAR’S-UP FICTION FESTIVAL (Festival dei colletti alzati). Si tratta per la precisione di un concorso fotografico le cui semplici regole per poter partecipare sono le seguenti:

  • L’autore deve essere stanziale o fuorisede;
  • Età compresa dai 0 anni fino a quando si ha la forza di tenere in mano una macchina fotografica;
  • Il soggetto immortalato deve essere ripreso di spalle. Questo per dare risalto al “colletto alzato” oltre che per ovvi  motivi di privacy;
  • La fotografia deve essere stata scattata a Materatown o località marittime limitrofe della Basilicata e della Puglia (Metaponto, Castellaneta, Ginosa, Quarantotto etc..)
  • Il “colletto alzato” deve essere risorosamente di camicia o di polo. Verranno escluse pertanto improbabili fotografie di stanziali in giubbotto, impermeabile o felpa;
  • E’ assolutamente vietato inviare fotografie, pena esclusione dal festival, raffiguranti l’autore stesso ed effettuate con l’ausilio di uno specchio e/o con la tecnica dell’autoscatto;
  • Non verrà dato nessun valore alla qualità. Quindi lasciate perdere giochi di luce, colori, ombre e altre amenità del genere. Conta solo, ai fini della valutazione dell’opera, il “colletto alzato”;
  • Saranno scartate le fotografie considerate offensive, lesive della comune decenza, pornografiche, discriminatorie o dove sia riconoscibile, seppur lontamente, il simbolo di Materatown 2019.
  • Le opere dovranno pervenire corredate da nome o pseudonimo a info@materatown.net entro e non oltre le ore 24 del 9/9/2012

E adesso, cari stanziali, tocca a voi. Munitevi di macchina fotografica, appostatevi con un teleobiettivo sul balcone di casa, acquattatevi dietro un’ auto, mimetizzatevi travestendovi da uno dei tanti sacchi dell’immondizia abbandonati per strada e saltate fuori appena vedete uno stanziale con il colletto alzato ed immortalatelo. Potreste essere voi ad aggiudicarvi il COLLAR’S-UP FICTION FESTIVAL. Il vincitore, oltre a vedere la sua “opera” pubblicata su questo sito, riceverà un premio sensazionale, introvabile in commercio, che vi sveleremo al momento della proclamazione. Buona Fotografia a tutti.

Share

Written by materatown

August 20th, 2012 at 12:06 am

Posted in Materatown

Vademecum di sopravvivenza

with 10 comments

Non c’è estate degna di questo nome senza un decalogo, un vademecum per combattere il caldo. Per questo motivo anche Materatown.net intende offrire un servizio analogo di pubblica utilità, studiato appositamente per gli stanziali, per far sì che essi trovino un po’ di sollievo dall’ afa che imperversa in città.  Se, infatti, cari cittadini di Materatown, avrete la costanza di seguire queste poche ma semplici regole d’oro, potrete evitare pericolose conseguenze per la vostra salute fisica e psichica riducendo fenomeni quali emicranie, mal di stomaco, nausea, cali improvvisi di pressione e che in certi casi possono tramutarsi in depressione, tachicardia, svenimento, fino a raggiungere il pericolosissimo, “sanguinis fervor” volgarmente conosciuto come “bollore del sangue” contro il quale l’unico rimedio valido è l’ emigrazione verso altre terre.

 

 

 

VADEMECUM PER LA SOVRAVVIVENZA DELLO STANZIALE:

  1. FINGERE che sia normale che un Sindaco nomini una nuova giunta commentando così la sua scelta: “2 assessori sono donne e 2 non hanno alcuna esperienza politica”
  2. NON PROVARE a capire per quale motivo il consigliere Cotugno del PD rilasci interviste e dichiarazioni contro il Sindaco e poi  continui a sostenerlo in consiglio;
  3. SFORZARSI, oltre ogni umana possibilità, di credere che siano stati scelti con il metodo della meritocrazia i Direttori di Acquedotti, i Direttori di Enti Regionali, i Presidenti di Parchi e gli Assessori tecnici ;
  4. NON DOMANDARSI, non tanto perchè il Consigliere Angelino continui ad essere votato, ma soprattutto come è possibile che costui continui a trovare sempre un partito pronto ad accoglierlo.
  5. NON DOMANDARSI come sia possibile che “Francescino” Santantonio, il coordinatore della lista Stella, riesca a fare comunicati stampa così grammaticalmente corretti e stilisticamente forbiti mentre quando parla si capisce solo lui e, forse, qualche suo parente stretto;
  6. NON DOMANDARSI, se siete di sinistra, come mai dovevate andare in Piazza per chiedere le dimissioni di Berlusconi in quanto indagato dalla magistratura, mentre non dovete farlo per Cifarelli;
  7. NON DOMANDARSI, se siete di sinistra, perchè dovevate fare del sarcasmo quando Berlusconi si atteggiava da Presidente-Operaio e non dovete farlo per il Sindaco-Crapiata;
  8. NON DOMANDARSI, se siete di destra e pensavate di essere all’ opposizione, perchè l’ex-Consigliere Acito è Commissario Straordinario delegato per la realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico per la Regione Basilicata;
  9. NON CHIEDERSI come sia possibile che uno dei leader del Movimento anti-partitico  5 Stelle di Materatown sia poi membro del Partito dei Comitati di Appoggio alla Resistenza per il Comunismo (CARC);
  10. EVITARE accuratamente di guardare senza alcuna protezione e per più di due minuti i manifesti di Miracolo Lucano;
  11. CREDERE che adesso l’ex-comandante Pepe non lo conosce nessuno;
  12. AMMIRARE le autocelebrazioni su facebook di sedicenti “eccellenze” di Materatown;
  13. NON LEGGERE più di una volta, a rischio di ricovero immediato presso il CIM, il comunicato stampa di Arteria per la manifestazione VivaVerdi: ” E’ una serie di workshops, laboratori, masterclasses rivolte a giovani artisti, bambini, scuole, infine, e soprattutto, momenti di collettiva pianificazione e progettazione, insomma “ cantieri di progettazione”  all’interno delle quali ogni forma di co-working e co-telling finisce con l’essere una residenza!”
Share

Written by materatown

August 13th, 2012 at 12:29 am

Posted in Materatown

Ho visto cose a Materatown che voi…(12)

with 5 comments

 

 

Durante la mia ultima “discesa” estiva

HO VISTO COSE A MATERATOWN CHE VOI UMANI NON POTETE NEANCHE IMMAGINARE

 

  

  • Ho visto entrando a Materatown un materasso abbandonato per strada;
  • Ho visto il mio vicino di casa accogliermi per le scale dicendomi:<<Sei venuto a prenderti un po’ di caldo a Materatown?>>
  • Ho visto il sottoscritto rispondere:<<Faceva molto caldo anche al Nord!>>
  • Ho visto il mio vicino voler primeggiare a tutti i costi ribadendo: <<Noi abbiamo avuto anche 45 gradi in certe zone della Murgia!>> 
  • Ho visto il sottoscritto mangiare un gelato da “Il vizio degli Angeli” in via Ridola e restare estasiato;
  • Ho visto un cartello nel negozio di Paoluccio su cui era scritto: VENDESI ATTIVITA';
  • Ho visto il cartello scomparire dopo qualche giorno e tirare un sospiro di sollievo;
  • Ho visto la promozione della pasta De Cecco: ACQUISTANDO 2 PACCHI DI PASTA, IN REGALO UNA CONFEZIONE DI SPAGHETTI!;
  • Ho visto in un negozio del centro la stessa offerta della De Cecco ma con una piccola “personalizzazione” (clicca qui)
  • Ho visto la recensione al film Habemus Papam di Moretti su “materiamo.com”: <<Da vedere assolutamente per poter esprimere la propria idea a riguardo!>>
  • Ho visto il sottoscritto riflettere sul fatto che io, invece, normalmente per giudicare un film mi leggo il riassunto;
  • Ho visto una mia amica stanziale incontrare sua cugina e dirle: <<Come sei magra! Beata te che puoi mangiare quello che vuoi!>>
  • Ho visto la cugina della mia amica stanziale rispondere: <<Se continuo così prima o poi …svacco!>>
  • Ho visto uno stanziale parlare al telefonino con un amico e dire: <<Gianni, sono appena arrivato alla “goccia“! Muoviti che ti aspetto!>>
  • Ho visto….e avrei voluto non vedere! (Guarda qui)
  • Ho visto uno stanziale chiedere ad una ragazza: <<Il tuo motorino che fine a fatto?>>
  • Ho visto la ragazza rispondere: <<L’ ho venduto!>>
  • Ho visto lo stanziale insistere: <<E adesso come fai?>>
  • Ho visto la ragazza indicare fiera il suo fidanzato e concludere: <<Vado a cavallo su quello suo!>>
  • Ho visto come sempre orde di anziani fare la fila all’alba davanti agli uffici delle Poste ancora chiusi e non essere ancora riuscito a capire il perchè (guarda);
  • Ho visto mio zio dirmi: <<A Materatown fa così caldo che se ti lavi i capelli  te li puoi asciugare stando sul balcone!>>
  • Ho visto il sottoscritto avere un desiderio irrefrenabile di rispondere: <<Zio, per questa scoperta ti darei il Nobel!>>
  • Ho visto uno stanziale donare per telefono questa “perla” di saggezza: <<Tu devi fare le cose tue e lei deve fare le cose sue!>>
  • Ho visto queste scarpe stanziali solcare le strade di Materatown (clicca qui)
  • Ho visto un fuorisede ed uno stanziale ordinare un aperitivo seduti al tavolo di un bar;
  • Ho visto il fuorisede chiedere: <<Un ginger con un po’ di spumante e succo di arancia, con una spruzzatina di limone e non più di 3 cubetti di ghiaccio! Mi raccomando! >>
  • Ho visto lo stanziale ordinare subito dopo: <<Per me quello che ha preso lui!>>
  • Ho visto il sottoscritto tornare in via Ridola prima di partire e gustarsi un altro gelato da “Il vizio degli Angeli”;
  • Ho visto il sottoscritto, la sera prima di partire, riacquistare felice la memoria e salutare persone che non ricordavo più;
  • Ho visto il sottoscritto alzarsi la mattina, riempire un borsone di mozzarelle e pensare: <<Adesso è ora che io perda nuovamente la memoria! Adesso è ora di tornare al Nord!>>

 

Share

Written by materatown

August 6th, 2012 at 11:25 pm