Il sito dei fuorisede di Matera

Archive for December, 2015

Materatown 2015 dalla A alla Z

with 3 comments

Care lettrici e cari lettori, pur sapendo di trovarvi distratti dalle simpatiche battute di Claudio Lippi e Rocco Papaleo nonchè dalle dolci melodie di Marco Masini e Francesca Michielin, non potevamo esimerci, seguendo una consolidata tradizione di questo sito, dallo stilare un elenco dedicato alle vicende che hanno visto per protagonista la città di Materatown insieme ai suoi illustri cittadini in questo 2015 oramai prossimo alla fine. Come consuetudine, abbiamo seguito, nel preparare la nostra classifica, l’ordine rigoroso delle lettere dell’alfabeto. Si tratta, ovviamente, di una personalissima graduatoria e per questo motivo chiediamo in anticipo scusa a tutti coloro che rimarranno delusi nel non vedere il proprio nome tra i fortunati VIP ma, purtroppo, le lettere dell’alfabeto sono solamente ventuno e questo ci ha costretto ad una dolorosa ma obbligatoria selezione. Siamo certi, altresì, che l’anno che sta per nascere non farà mancare altre e numerose occasioni per farci perdonare per le omissioni presenti in questo ultimo articolo del 2015. E adesso buon 2016 a tutti, stanziali e fuorisede di Materatown.

A come Addetto Stampa:

Antonella Ciervo viene nominata Addetto Stampa del Comune di Matera prendendo il posto del compianto Padre Serafino da Cascino. Siamo certi che l’ex giornalista del Quotidiano, dopo aver osannato con dovizia di particolari, la maestrìa con cui Adduce preparava il caffè, adesso ci delizierà sulle modalità con cui De Ruggieri cuoce la mela cotta e riscalda il brodino della sera.

B come Buccico (figlio):

Il consigliere comunale Rocco Buccico, figlio del più famoso Nicola, presenta un’ interpellanza ufficiale sul perchè è stato scelto quale direttore artistico della Manifestazione “Matera Is On The Table”, suo cugino Antonio Andrisani. Chiederlo direttamente all’interessato, magari davanti ad un capretto domenicale con tutta la famiglia, era troppo faticoso?

C come Cotugno:

Angelo Cotugno a proposito del doppio incarico (a Materatown e Bari) di Verri domanda provocatoriamente: “Ma il Barcellona farebbe giocare Messi metà campionato nel Real Madrid ?” Forse non sarebbe male domandarsi anche cosa pensano i materani di uno che passa da Berlinguer a Viti e Mastrosimone?

D come Direttore Ente Parco Appennino Lucano:

Il Direttore dell’Ente Parco dell’Appenino Lucano Vincenzo Fogliano ci tiene a precisare: “Tutta la struttura dell’Ente Parco, non risponde a logiche di natura politica o di mera appartenenza. Ritengo di aver trasmesso l’onestà, il dovere d’ufficio e l’autorevolezza che non può esservi senza etica!” A dimostrazione di ciò leggere la lettera “E”.

E come Ex-Assessore

L’Ex-assessore di Rivello, Cristina Florenzano di anni 38, nonchè membro del Comitato elettorale di Pittella, viene “chiamata” dall’Ente Parco diretto da Fogliano con un contratto a tempo determinato di 3 anni per “esigenze di carattere eccezionale”. Queste esigenze sono talmente eccezionali che nel giro di un mese, la giovane Cristina lascia l’Ente Parco per essere distaccata presso la Regione Basilicata e, per quelle strane combinazioni della vita, proprio nell’ufficio del Presidente Pittella!

F come Fiction:

La Fiction di Rai Uno “Questo è il mio Paese” è ambientato a Calura, un paese immaginario dell’Aspromonte con vista sul mare. Alcune riprese aeree sono state girate a Castelmezzano e questo ha suscitato l’ira e le proteste dell’ Associazione Turistica Thalia di Potenza che ha minacciato una “class action” accusando la RAI di fare “promozione fuorviante per il turista che è convinto che a Castelmezzano troverà il mare”. Infatti qui al Nord vedo stazioni, aeroporti ed autostrade intasate da turisti con secchiello e paletta in direzione Castelmezzano!

G come Giammetta:

Anna Giammetta è una giornalista “freelance”. In occasione del compleanno del Sindaco De Ruggieri scrive su giornalemio.it:<<De Ruggieri è inarrestabile anche nel giorno del suo compleanno. Ottant’anni e non sentirli […] Provate a stargli accanto. Ha il passo veloce, dialoga in continuazione senza neanche l’ombra del respiro in affanno. Passa da un convegno all’altro, da Roma a Matera, da Lourdes a Bruxelles, lamentandosi delle tante rappresentanze che lo distolgono dal lavoro, quello serio dice lui, per la città. Un dinamismo, fisico e mentale che in una società spesso assonnata costituisce un formidabile esempio di determinazione e tenacia da cui farsi tentare, dal quale imparare!>> Aspettiamo con ansia che la giornalista “freelance” pubblichi anche le foto di De Ruggieri mentre, a torso nudo, è intento a mietere il grano!

H come Hyperbros

Dopo mesi di silenzio dona ai suoi lettori un’ acuta analisi sulla situazione politica materana:<<Continuo a sperare che (De Ruggieri n.d.r.) sia chiuso nella sua angusta camera del sesto piano municipale a lavorare per tutti noi a lume di candela! Me lo sogno la notte, Raffaello, intento a tenere incollati i vari pezzi di una maggioranza che solo Dio riuscirebbe a far combaciare perfettamente. Quindi, De Ruggieri: tieni duro, anzi Tosto>> Da Hyperbros a Hypersoft il passo è breve!

I come Ida Leone:

Membro del WebTeam Matera 2019 così scrive su facebook: <<Materadio é esattamente il nostro sogno, é una palpabile anticipazione di come abbiamo sognato Matera nel 2019. Un luogo crocevia di facce non giovani e belle di cittadini culturali residenti e temporanei immersi nel flusso di un futuro che si forma intorno a noi, mentre viviamo ancora il presente!>> E c’è ancora chi, tra questi supporters, si domanda perchè Adduce ha perso!

L come Leporace:

Sul suo sito internet si domanda: <<Mi chiedo se il potere mi ha cambiato e mi ha reso schiavo. Domandarselo fa bene, però è bene anche evitare le risposte certe e affrettate!>> Se rende schiavi non lo sappiamo, sicuramente “marzullizza”!

M come Minieri:

L’ex Sindaco di Materatown su facebook cita Gramsci, le lotte contadine ed il vecchio PCI. Peccato che certi comunisti si ricordano di essere tali solo quando non governano più!

N come Nico Trombetta:

L’ex assessore ai lavori pubblici di Materatown augura su Facebook il Buon Natale: <<A Natale siamo tutti invasi da uno tsunami d’amore! Vorrei poter mettere lo spirito del Natale all’interno di un barattolo e poterlo tirare fuori mese per mese, poco alla volta!>> E che ci vuole? Basta  fare qualche “rotonda” all’ interno del barattolo!

O come Offerta turistica:

E’ quella che si propongono di offrire 3 giovani materani che hanno aperto un sito internet (traveltomatera.it) su cui hanno elencato 10 motivi per cui è meglio vivere a Materatown che a Milano. Tra questi il caffè, il paesaggio ed ovviamente Sua Maestà il Pane. Piccolo particolare: i tre giovani materani nonostante questo decalogo vivono e lavorano a Milano. Chissà perchè!

P come Palomba:

Il giornalista Palomba, in una intervista irriverente, incalza il Sindaco di Materatown con domande “scomode” come questa: <<Molta gente si chiede quale sia il segreto delle sue giornate. Non si ferma mai Raffaello Ruggieri?>>

Q come Quattrocento:

-400,-399,-398….Il conto alla rovescia dei lavoratori impiegati alla DataContact è pericolosamente iniziato con qualche giorno di anticipo rispetto a quello del Capodanno in Piazza.

R come Rozzano:

I bambini del piccolo paesino in provincia di Milano finiti agli onori della cronaca per il presepe negato a scuola, sono stati invitati a Materatown da Luca Prisco, organizzatore del Presepe Vivente, per lavare l’onta subìta e “rivivere con emozione e partecipazione uno dei momenti più belli della tradizione cristiana”. Fulgido caso di abitante “paracul…turale”!

S come Saponaro:

Michele Saponaro su giornalemio.it si dice contrario alla realizzazione del ponte sulla Gravina perchè <<al sud bisogna andare lenti; come la vecchia “littorina” che ti porta da Bari a Matera attraversando l’altipiano murgico e ti lascia scoprire il paesaggio […] perchè quel che cerca il turista che viene al sud è il ritmo del sud!>> E’ un po’ come dire che è giusto che in Africa ci siano le carestie così il turista che ci arriva può fare la dieta!

T come TRM:

E’ passato il 2015 e siamo ancora in attesa che uno dei tanti giornalisti che ci lavorano dia la notizia che Tosto è stato condannato in via definitiva a 3 anni di carcere per bancarotta. Speriamo nel 2016!

U come Università:

Quella dedicata alla Madonna “Nuestra Senora Reina de La paz” in Honduras ha concesso una laurea honoris causa in Politiche Sociali al Governatore Marcello Pittella il 13 Novembre scorso. Mo’ mi raccomando, se qualcuno vede la Madonna che inizia a piangere non gridi al miracolo, il motivo è un altro!

V come Valentina:

Valentina Critelli, 9 anni di Potenza, vince l’ultima edizione del concorso canoro “Ti lascio una Canzone” di Antonella Clerici. Come se già non bastasse questa disgrazia, ecco che il padre Gennaro sulla Gazzetta del Mezzogiorno dichiara: <<Siamo rimasti delusi perché non c’è stato nessun amministratore che pubblicamente abbia parlato di nostra figlia. Non una parola a supporto della bambina impegnata al concorso canoro. Cosa che invece il presidente Pittella ha fatto per il piccolo Giacomo che ha partecipato allo Zecchino d’oro>>. Esiste ancora il Telefono azzurro?

Z come “zenso”:

Portare la ferrovia a Materatown non ha più “zenso”. Così parlò Pittella nel 2015 (ascolta e guarda)

Share

Written by materatown

December 29th, 2015 at 11:05 pm

Posted in Materatown

Presepe Vivente – Materatown 2015

with 7 comments

Anche per il 2015  noi di materatown.net vogliamo fare i più sentiti auguri di Buon Natale a tutti i nostri lettori con un personalissimo Presepe Vivente. Quest’anno la rappresentazione della Natività assume un valore particolarmente unico visto l’avvento in città di Raffaello il Messia, sceso in terra materana per la salvezza di stanziali e fuorisede. Purtroppo, però, dobbiamo sottolineare la blasfema assenza del Bue e dell’ Asinello che hanno rifiutato di presenziare alla nascita del nuovo Redentore e, a causa di tale inqualificabile comportamento, sono stati giustamente “spellati vivi”. Felice Natale a tutti.

Share

Written by materatown

December 20th, 2015 at 10:36 pm

Posted in Materatown

Il Quotidiano di Materatown n° 16

with 2 comments

Share

Written by materatown

December 13th, 2015 at 11:26 pm

Materatown chiama…il “diversamente renziano” risponde!

with 5 comments

Vincenzo Santochirico è senza dubbio l’emblema della cosiddetta “anomalia lucana”. Infatti, nonostante sia stato uno dei massimi esponenti del Partito Democratico con il quale (e grazie al quale) ha ricoperto in passato cariche di primissimo piano nelle istituzioni (Assessore e Presidente del Consiglio regionale), alle ultime elezioni per la scelta del Sindaco di Materatown ha appoggiato, insieme ad altri “papaveri” del PD, il candidato del centro-destra De Ruggieri, favorendo così la sconfitta del candidato ufficiale del Partito democratico, Salvatore Adduce. Questa, almeno, era la situazione aggiornata ad alcune settimane fa, fino a quando il 28 Novembre scorso, presso la Sala del Consiglio Regionale di Potenza, l’ Avv.Vincenzo Santochirico si è reso protagonista della nascita dell’ Associazione “Rifare l’Italia” che altro non è che la ufficializzazione di una nuova corrente del PD che fa capo al dirigente nazionale Matteo Orfini anch’egli folgorato sulla via del “renzismo” pur essendone stato in passato un acerrimo avversario. A questo punto, come era da immaginare, scoppia la polemica che vede tra i più accesi protagonisti il consigliere regionale, nonchè capogruppo PD, Roberto Cifarelli e il Segretario cittadino, Muscaridola, entrambi fedelissimi dell’ex sindaco Adduce. Volano parole grosse nei confronti di Santochirico (“fai lo gnorri”, “hai la faccia tosta”) il quale ribatte colpo su colpo parlando di “mistificazione della realtà”. Si arriva così, come nei migliori litigi tra “fratellini”, a chiedere l’intervento dei “grandi” e perciò Muscaridola scrive una lettera ai vertici di Roma in cui chiede, causa alto tradimento, l’interdizione al tesseramento PD per l’ex-compagno Santochirico che noi di materatown.net  abbiamo contattato, facendogli alcune domande sull’intera vicenda. Buona lettura:

Allora Santochirico Lei è stato, nell’ordine, “bersaniano”, “cuperliano”, “civatiano” ed adesso “orfiniano”. Mo’ io dico, se non ha proprio le idee chiare, non potrebbe prendersi, che so, una pausa di riflessione di qualche anno e poi con calma comunicarci cosa vuol fare da grande?

Per sua informazione Cuperlo, Civati e Orfini erano bersaniani ed io cerco di non perderli di vista.

Mettiamola allora così, tra me e Lei in confidenza: Non è che sta’ storia di entrare nella corrente di Orfini è un modo per diventare “renziano” passando dalla finestra invece che dalla porta principale come i vari Antezza e Braia?

Al contrario. Il mio è proprio l’antidoto per non diventarlo. E poi “diversamente renziano” non fu espressione coniata da Speranza?

Lei si adoperato con Tosto, Buccico e Di Lorenzo per la sconfitta di Adduce con la conseguente vittoria di De Ruggieri. E’ un tantino curioso che lei adesso si meravigli che Cifarelli e Muscaridola non le vogliano dare la tessera del PD. In fondo Lei farebbe entrare un macellaio in una associazione di vegetariani?

Se capisco bene io sarei il cattivo macellaio e il duo Cifarelli-Muscaridola i poveri vegetariani? Mi lasci dire che la sua domanda è, diciamo così, un po’ “partigiana”. E comunque una favoletta simile, quella del lupo e dell’agnello, l’ha raccontata Fedro ben 2.000 anni fa.

E allora vediamo se quest’altra favoletta è più orginale. Gira voce a Materatown che Lei vorrebbe fare il Presidente della Fondazione Matera 2019 e il suo “alter ego” Angelo Cotugno, in un recente consiglio comunale, non ne ha fatto mistero, seppur con un discorso vetero-democristiano. Ma se questa era la sua ambizione, non poteva chiedere quel posto direttamente ad Adduce prima delle elezioni senza combinare tutto sto’ casino?

Primo, ho sempre ammirato la pubblicità degli “uomini che non devono chiedere mai”. Secondo, ho imparato da universitario il brocardo “Nemo plus iuris ad alium transferre potest quam ipse habet” (ndr: Nessuno può trasferire ad altri maggiori diritti di quanti ne abbia egli stesso!). Scherzi a parte, se avessi voluto incarichi, avrei accettato quello all’epoca già offertomi ossia commissario EIPLI, L’Ente per lo Sviluppo dell’Irrigazione. Ma io, lei so che non ci crederà, sono un idealista!

Lei nei giorni scorsi ha sostenuto che De Ruggieri è sempre stato un uomo di sinistra. Mi può dare il nome della sua grappa? Sembra essere di grande qualità!

Bevo whisky, ma la tesi che De Ruggieri è un uomo di centro-sinistra è fermamente sostenuta non solo dal sottoscritto ma anche da inguaribili astemi!

Una curiosità personale sui suoi capelli. Sono finti, li stira ogni mattina con la vaporella o va dallo stesso barbiere del grande Aldo Biscardi?

Né vaporella, né barbiere di Biscardi. Ogni giorno scrivo una pagina di “Elogio della sapienza e pazienza” di Vito che é uno dei dipendenti del barbiere dove vado che è la “Galleria del Taglio”. Lui ha l’arduo compito di asciugare i miei capelli che, oltre ad essere un po’ ribelli, cominciano anche a scarseggiare. Un giorno se vuole, posso presenterarglielo.

Volentieri. Grazie per l’intervista Avv. Santochirico

Grazie a lei, l’aspetto per un buon whisky e, magari, per un’intervista più benevola!

Share

Written by materatown

December 6th, 2015 at 11:13 pm

Posted in Materatown